Francesco Petrarca
Francesco Petrarca 
°Arezzo 1304 +Arquà 1374 
Poeta e letterato italiano
Canzoniere III

In vita di Madonna Laura

CC
Non pur quell’una ignuda mano, che con grave mio danno si riveste, ma l’altra, e le duo braccia accorte e preste son a stringere il cor timido e piano. Lacci Amor mille, e nessun tende in vano fra quelle vaghe nove forme oneste, ch’adornan sí l’alto abito celeste, ch’aggiunger no ’l pò stil né ’ngegno umano. Li occhi sereni e le stellanti ciglia, la bella bocca, angelica, di perle piena e di ròse e di dolci parole, che fanno altrui tremar di meraviglia, e la fronte, e le chiome, ch’a vederle di state, a mezzo dí, vincono il sole.

CCI Mia ventura, et Amor, m’avean sí adorno d’un bello aurato e serico trapunto, ch’al sommo del mio ben quasi era aggiunto, pensando meco a chi fu quest’intorno. Né mi riede a la mente mai quel giorno, che mi fe’ ricco, e povero, in un punto, ch’i’ non sia d’ira, e di dolor, compunto, pien di vergogna, e d’amoroso scorno; ché la mia nobil preda non più stretta tenni al bisogno, e non fui più costante contra lo sforzo sol d’un’angioletta; o, fugendo, ale non giunsi a le piante, per far almen di quella man vendetta, che de li occhi mi trae lagrime tante.

CCII D’un bel, chiaro, polito e vivo ghiaccio move la fiamma che m’incende e strugge, e sí le véne e ’l cor m’asciuga e sugge che ’nvisibilmente i’ mi disfaccio. Morte, già per ferire alzato ’l braccio, come irato ciel tona o leon rugge, va perseguendo mia vita che fugge; et io, pien di paura, tremo, e taccio. Ben porìa ancor pietà con amor mista, per sostegno di me, doppia colonna porsi fra l’alma stanca e ’l mortal colpo; ma io no ’l credo, né ’l conosco in vista di quella dolce mia nemica, e donna: né di ciò lei, ma mia ventura incolpo.

CCIII Lasso!, ch’i’ ardo, et altri non mel crede; sí crede ogni uom, se non sola colei che sovr’ogni altra, e ch’i’ sola vorrei: ella non par che ’l creda, e sí sel vede. Infinita bellezza, e poca fede, non vedete voi ’l cor, nelli occhi mei? Se non fusse mia stella, i’ pur devrei al fonte di pietà trovar mercede. Quest’arder mio, di che vi cal sí poco, e i vostri onori, in mie rime diffusi, ne porìan infiammar fors’anco mille; ch’i’ veggio nel penser, dolce mio foco, fredda una lingua, e duo belli occhi chiusi rimaner, dopo noi, pien di faville.

CCIV Anima, che diverse cose tante vedi, odi, e leggi, e parli, e scrivi, e pensi; occhi miei vaghi, e tu, fra li altri sensi, che scorgi al cor l’alte parole sante; per quanto non vorreste o poscia od ante esser giunti al camin che sí mal tiensi, per non trovarvi i duo bei lumi accensi, né l’orme impresse de l’amate piante? Or con sí chiara luce, e con tal segni, errar non dêsi in quel breve viaggio che ne pò far d’etterno albergo degni. Sfòrzati al ciel, o mio stanco coraggio, per la nebbia entro de’ suoi dolci sdegni seguendo i passi onesti, e ’l divo raggio.

CCV Dolci ire, dolci sdegni e dolci paci, dolce mal, dolce affanno, e dolce peso, dolce parlare, e dolcemente inteso, or di dolce ôra, or pien di dolci faci; alma, non ti lagnar, ma soffra e taci, e tempra il dolce amaro, che n’ha offeso, col dolce onor che d’amar quella hai preso a cui io dissi: - Tu sola mi piaci. - Forse ancor fia chi sospirando dica, tinto di dolce invidia: - Assai sostenne, per bellissimo amor, quest’al suo tempo. - Altri: - O fortuna a gli occhi miei nemica! Perché non la vid’io? perché non venne ella più tardi, o ver io più per tempo? -

CCVI S’i’ ’l dissi mai, ch’i’ vegna in odio a quella del cui amor vivo, e senza ’l qual morrei; s’i’ ’l dissi, che ’ miei dí sian pochi, e rei, e di vil signoria l’anima ancella; s’i’ ’l dissi, contra me s’arme ogni stella, e dal mio lato sia paura e gelosia, e la nemica mia più feroce vèr’ me sempre e più bella. S’i’ ’l dissi, Amor l’aurate sue quadrella spenda in me tutte, e l’impiombate in lei; s’i’ ’l dissi, cielo, e terra, uomini e dèi mi sian contrarî, et essa ogni or più fella; s’i’ ’l dissi, chi con sua cieca facella dritto a morte m’invia, pur come suol si stia, né mai più dolce o pia vèr me si mostri, in atto od in favella. S’i’ ’l dissi mai, di quel ch’i’ men vorrei, piena trovi quest’aspra e breve via; s’i ’l dissi, il fero ardor, che mi desvia, cresca in me, quanto il fier ghiaccio in costei; s’i ’l dissi, unqua non veggian li occhi mei sol chiaro, o sua sorella, né donna, né donzella, ma terribil procella, qual Faraone in perseguir gli ebrei. S’i ’l dissi, co i sospir, quant’io mai fêi, sia pietà per me morta, e cortesia; s’i ’l dissi, il dir s’innaspri, che s’udia sí dolce allor che vinto mi rendei; s’i ’l dissi, io spiaccia a quella ch’i’ tôrrei, sol, chiuso in fosca cella, dal dí che la mamella lasciai, fin che si svella da me l’alma, adorar: forse e ’l farei. Ma s’io no ’l dissi, chi sí dolce apria meo cor a speme ne l’età novella, regga ’ncor questa stanca navicella col governo di sua pietà natia, né diventi altra, ma pur qual solía quando più non potei, che me stesso perdei, né più arder devrei. Mal fa, chi tanta fé sí tosto oblia. I’ no ’l dissi già mai, né dir poría, per oro, o per cittadi, o per castella. Vinca ’l ver dunque, e si rimanga in sella, e vinta a terra caggia la bugia. Tu sai in me il tutto, Amor: s’ella ne spia, dinne quel che dir dêi. I’ beato direi, tre volte, e quattro, e sei, chi, devendo languir, si morì pria. Per Rachel ho servito, e non per Lia; né con altra saprei viver; e sosterrei, quando ’l ciel ne rappella, girmen, con ella, in sul carro Elia.

CCVII Ben mi credea passar mio tempo omai come passato avea quest’anni a dietro, senz’altro studio, e senza novi ingegni; or poi che da madonna i’ non impetro l’usata aita, a che condutto m’hai, tu ’l vedi, Amor, che tal arte m’insegni. Non so s’i’ me ne sdegni; ché ’n questa età mi fai divenir ladro del bel lume leggiadro, senza ’l qual non vivrei in tanti affanni. Cosí avess’io i primi anni preso lo stil ch’or prender mi bisogna; ché ’n giovenil fallir è men vergogna. Li occhi soavi, ond’io soglio aver vita, de le divine lor alte bellezze fûrmi in sul cominciar tanto cortesi, che ’n guisa d’uom cui non proprie ricchezze, ma celato soccorso di fòr aita, vissimi; ché né lor né altri offesi. Oh, ben ch’a me ne pesi, divento ingiurioso, et importuno, ché ’l poverel digiuno vèn ad atto talor che ’n miglior stato avria in altrui biasmato. Se la man di Pietà invidia m’ha chiuse, fame amorosa, e ’l non poter, mi scuse. Ch’i’ ho cercate già vie più di mille per provar senza lor se mortal cosa mi potesse tenér in vita un giorno. L’anima, poi ch’altrove non ha posa, corre pur a l’angeliche faville; et io, che son di cera, al foco torno. E pongo mente intorno, ove si fa men guardia a quel ch’i’ bramo; e come augel in ramo, ove men teme, ivi più tosto è còlto, cosí dal suo bel vólto l’involo or uno et or un altro sguardo; e di ciò inseme mi nutrico et ardo. Di mia morte mi pasco, e vivo in fiamme: stranio cibo, e mirabil salamandra! ma miracol non è, da tal si vòle. Felice agnello, a la penosa mandra mi giacqui un tempo; or a l’estremo famme e Fortuna et Amor pur come sòle: cosí ròse e viole ha primavera, e ’l verno ha neve e ghiaccio. Però, s’i’ mi procaccio quinci e quindi alimenti al viver curto, se vòl dir che sia furto, sí ricca donna deve esser contenta, s’altri vive del suo, ch’ella no ’l senta. Chi no ’l sa ch’io vivo, e vissi sempre, dal dí che ’n prima que’ belli occhi vidi, che mi fecer cangiar vita e costume? Per cercar terra e mar da tutt’i lidi, chi pò saver tutte l’umane tempre? L’un vive, ecco, d’odor, là sul gran fiume; io qui di foco e lume queto i frali e famelici miei spirti. Amor (e vo’ ben dirti), disconvensi a signor l’esser sí parco. Tu hai li strali, e l’arco; fa di tua man, non pur bramand’io mora: ch’un bel morir tutta la vita onora. Chiusa fiamma è più ardente; e se pur cresce, in alcun modo più non pò celarsi; Amor, i’ ’l so, che ’l provo a le tue mani. Vedesti ben, quando sí tacito arsi; or de’ miei gridi a me medesmo incresce, che vo noiando e prossimi e lontani. O mondo, o pensèr vani! o mia forte ventura a che m’adduce! o di che vaga luce al cor mi nacque la tenace speme, onde l’annoda e preme, quella che con tua forza al fin mi mena! La colpa è vostra, e mio ’l danno, e la pena. Cosí di ben amar porto tormento, e del peccato altrui cheggio perdóno; anzi del mio, ché devea torcer li occhi dal troppo lume, e di sirene al suono chiuder li orecchi; et ancor non men pento, che di dolce veleno il cor trabocchi. Aspett’io pur che scocchi, l’ultimo colpo chi mi diede ’l primo: e fia, s’i’ dritto estimo, un modo di pietate, occider tosto, non essendo ei disposto a far altro di me che quel che soglia; ché ben muor chi morendo esce di doglia. Canzon mia, fermo in campo starò, ch’elli è disnor morir fuggendo; e me stesso reprendo di tai lamenti; sí dolce è mia sorte, pianto, sospiri e morte! Servo d’Amor, che queste rime leggi, ben non ha ’l mondo che ’l mio mal pareggi.

CCVIII Rapido fiume che l’alpestra vena rodendo intorno, onde ’l tuo nome prendi, notte e dí meco disioso scendi ov’Amor me, te sol Natura mena, vattene innanzi: il tuo corso non frena né stanchezza né sonno; e pria che rendi suo dritto al mar, fiso u’ si mostri attendi l’erba più verde, e l’aria più serena. Ivi è quel nostro vivo e dolce sole ch’addorma e ’nfiora la tua riva manca: forse (oh, che spero?) el mio tardar le dole. Basciale ’l piede, o la man bella e bianca; dille, e ’l basciar sie ’n vece di parole: - Lo spirto è pronto, ma la carne è stanca. -

CCIX I dolci colli ov’io lasciai me stesso, partendo, onde partir già mai non posso, mi vanno innanzi; et èmmi ogni or a dosso quel caro peso, ch’Amor m’ha commesso. Meco di me mi meraviglio spesso, ch’i’ pur vo sempre, e non son ancor mosso dal bel giogo più volte indarno scosso, ma com’ più me n’allungo, e più m’appresso. E qual cervo ferito di saetta, col ferro avvelenato dentr’al fianco, fugge, e più duolsi quanto più s’affretta, tal io, con quello stral dal lato manco, che mi consuma, e parte mi diletta, di duol mi struggo, e di fuggir mi stanco.

CCX Non da l’ispano Ibero a l’indo Idaspe ricercando del mar ogni pendice, né dal lito vermiglio a l’onde caspe, né ’n ciel né ’n terra è più d’una fenice. Qual destro corvo o qual manca cornice canti ’l mio fato? o qual Parca l’innaspe? Ché sol trovo Pietà sorda com’aspe, misero, onde sperava esser felice! Ch’i’ non vo’ dir di lei ma chi la scorge, tutto ’l cor di dolcezza e d’amor gli empie; tanto n’ha seco, e tant’altrui ne porge. E per far mie dolcezze amare et empie, o s’infinge, o non cura, o non s’accorge del fiorir queste inanzi tempo tempie.

CCXI Voglia mi sprona, Amor mi guida e scorge, piacer mi tira, usanza mi trasporta, speranza mi lusinga e riconforta, e la man destra al cor già stanco porge. E ’l misero la prende, e non s’accorge di nostra cieca e disleale scorta; regnano i sensi, e la ragion è morta; de l’un vago desio l’altro risorge. Vertute, onor, bellezza, atto gentile, dolci parole a i bei rami m’han giunto ove soavemente il cor s’invesca. mille trecento ventisette, a punto su l’ora prima, il dí sesto d’aprile nel laberinto intrai; né veggio ond’èsca.

CCXII Beato in sogno e di languir contento, d’abbracciar l’ombre e seguir l’aura estiva, nuoto per mar che non ha fondo o riva, solco onde, e ’n rena fondo, e scrivo in vento, e ’l sol vagheggio sí, ch’elli ha già spentocol suo splendor la mia vertù visiva; et una cerva errante e fugitiva caccio con un bue zoppo e ’nfermo e lento. Cieco e stanco ad ogni altro ch’al mio danno, il qual dí e notte palpitando cerco, sol Amor e madonna, e Morte chiamo. Cosí vènti anni, grave e lungo affanno, pur lagrime e sospiri e dolor merco: in tale stella presi l’èsca e l’amo.

CCXIII Grazie ch’a pochi il ciel largo destina: rara vertù, non già d’umana gente, sotto biondi capei canuta mente, e ’n umil donna alta beltà divina; leggiadria singulare e pellegrina, e ’l cantar che ne l’anima si sente, l’andar celeste, e ’l vago spirto ardente, ch’ogni dur rompe, et ogni altezza inchina; e que’ belli occhi che i cor fanno smalti, possenti a rischiarar abisso e notti, e tôrre l’alme a’ corpi, e darle altrui; col dir pien d’intelletti dolci et alti, co i sospiri soavemente rotti: da questi magi transformato fui.

CCXIV Anzi tre dí creata era alma in parte da por sua cura in cose altère e nove, e dispregiar di quel ch’a molti è ’n pregio. Questa ’ncor dubbia del fatal suo corso, sola, pensando, pargoletta, e sciolta, intrò in primavera in un bel bosco. Era un tenero fior nato in quel bosco il giorno avanti, e la radice in parte ch’appressar no ’l poteva anima sciolta; ché v’eran di lacciuo’ forme sí nove, e tal piacer precipitava al corso, che perder libertate ivi era in pregio. Caro, dolce, alto, e faticoso pregio, che ratto mi volgesti al verde bosco, usato di sviarne a mezzo ’l corso! Et ho cerco poi ’l mondo a parte a parte, se versi, o petre, o suco d’erbe nove, mi rendesser un dí la mente sciolta. Ma, lasso!, or veggio che la carne sciolta fia di quel nodo, ond’è ’l suo maggior pregio, prima che medicine, antiche o nove, saldin le piaghe ch’i’ presi in quel bosco, folto di spine; ond’i’ ho ben tal parte, che zoppo n’esco, e intrâvi a sí gran corso. Pien di lacci e di stecchi un duro corso aggio a fornire, ove leggera e sciolta pianta avrebbe uopo, e sana d’ogni parte. Ma tu, Signor, c’hai di pietate il pregio, porgimi la man destra, in questo bosco; vinca ’l tuo sol le mie tenebre nove. Guarda ’l mio stato, a le vaghezze nove, che ’nterrompendo di mia vita il corso, m’han fatto abitador d’ombroso bosco; rendimi, s’esser pò, libera e sciolta l’errante mia consorte; e fia tuo ’l pregio, s’ancor teco la trovo in miglior parte. Or ecco in parte le question mie nove: s’alcun pregio in me vive, o ’n tutto è corso, o l’alma sciolta, o ritenuta al bosco.

CCXV In nobil sangue vita umile e queta, et in alto intelletto un puro core, frutto senile in sul giovenil fiore, e ’n aspetto pensoso anima lieta, raccolto ha ’n questa donna il suo pianeta, anzi ’l re de le stelle; e ’l vero onore, le degne lode, e ’l gran pregio, e ’l valore, ch’è da stancar ogni divin poeta. Amor s’è in lei con onestate aggiunto, con beltà naturale abito adorno, et un atto che parla con silenzio, e non so che nelli occhi, che ’n un punto pò far chiara la notte, oscuro il giorno, e ’l mèl amaro, et addolcir l’assenzio.

CCXVI Tutto ’l dí piango; e poi la notte, quando prendon riposo i miseri mortali, trovomi in pianto e raddoppiansi i mali: cosí spendo ’l mio tempo lagrimando. In tristo umor vo li occhi consumando, e ’l cor in doglia; e son fra gli animali l’ultimo sí, che li amorosi strali mi tengon ad ogni or di pace in bando. Lasso!, che pur da l’un a l’altro sole, e da l’una ombra a l’altra, ho già ’l più corso di questa morte che si chiama vita. Più l’altrui fallo che ’l mi’ mal mi dole; ché Pietà viva e ’l mio fido soccorso vedem arder nel foco, e non m’aita.

CCXVII Già desiai con sí giusta querela e ’n sí fervide rime farmi udire, ch’un foco di pietà fêssi sentire al duro cor ch’a mezza state gela; e l’empia nube, che ’l raffredda e vela, rompesse a l’aura del mi’ ardente dire, o fêssi quella ’ltrui in odio venire che ’ belli, onde mi strugge, occhi mi cela. Or non, odio per lei, per me pietate, cerco; ché quel non vo’, questo non posso; tal fu mia stella, e tal mia cruda sorte! Ma canto la divina sua beltate; ché, quand’i’ sia di questa carne scosso, sappia ’l mondo che dolce è la mia morte.

CCXVIII Tra quantunque leggiadre donne e belle giunga costei, ch’al mondo non ha pare, col suo bel viso suol dell’altre fare quel che fa ’l dí de le minori stelle. Amor par ch’a l’orecchie mi favelle, dicendo: - Quanto questa in terra appare, fia ’l viver bello; e poi ’l vedrem turbare, perir vertuti, e ’l mio regno con elle. Come natura al ciel la luna e ’l sole, a l’aere i vènti, a la terra erbe e fronde, a l’uomo l’intelletto e le parole, et al mar ritollesse i pesci e l’onde; tanto e più fíen le cose oscure e sole, se morte li occhi suoi chiude et asconde. -

CCXIX Il cantar novo e ’l piange delli augelli in sul dí fanno retentir le valli, e ’l mormorar de’ liquidi cristalli giù per lucidi, freschi rivi, e snelli. Quella che neve il vólto, oro i capelli, nel cui amor non fûr mai inganni né falli, destami al suon de li amorosi balli, pettinando al suo vecchio i bianchi velli. cosí mi sveglio a salutar l’Aurora e ’l Sol ch’è seco, e più l’altro ond’io fui ne’ primi anni abbagliato, e son ancóra. I’ gli ho veduti alcun giorno ambedui levarsi inseme, e ’n un punto e ’n un’ora quel far le stelle, e questo sparir lui.

CCXX Onde tolse Amor l’oro, e di qual vena, per far due treccie bionde? e ’n quali spine colse le ròse, e ’n qual piaggia le brine tènere e fresche, e diè lor polso e lena? onde le perle, in ch’ei frange et affrena dolci parole, oneste e pellegrine? onde tante bellezze, e sí divine, di quella fronte, più che ’l ciel serena? Da quali angeli mosse, e di qual spera, quel celeste cantar che mi disface sí che m’avanza omai da disfar poco? Di qual sol nacque l’alma luce altèra di que’ belli occhi ond’io ho guerra e pace, che mi cuocono il cor in ghiaccio e ’n foco?

CCXXI Qual mio destín, qual forza, o qual inganno, mi riconduce disarmato al campo, là ’ve sempre son vinto? e s’io ne scampo, meraviglia n’avrò; s’i’ moro, il danno. Danno non già, ma pro; sí dolci stanno nel mio cor le faville e ’l chiaro lampo, che l’abbaglia e lo strugge, e ’n ch’io m’avampo; e son già ardendo nel vigesimo anno. Sento i messi di morte, ove apparire veggio i belli occhi e folgorar da lunge; poi, s’avèn ch’appressando a me li gire Amor, con tal dolcezza m’unge e punge, ch’i’ no ’l so ripensar, non che ridire; ché né ’ngegno né lingua al vero agiunge.

CCXXII - Liete, e pensose, accompagnate, e sole, donne, che ragionando ite per via, ove è la vita, ove la morte mia? perché non è con voi, com’ella sòle? - - Liete siam per memoria di quel sole; dogliose per sua dolce compagnia, la qual ne toglie invidia e gelosia, che d’altrui ben, quasi suo mal, si dole. - - Chi pon freno a li amanti, o dà lor legge?- - Nessun a l’alma; al corpo ira et asprezza: questo or in lei, tal or si prova in noi. Ma spesso ne la fronte il cor si legge: sí vedemmo oscurar l’alta bellezza, e tutti rugiadosi li occhi suoi. -

CCXXIII Quando ’l Sol bagna in mar l’aurato carro, e l’aere nostro, e la mia mente imbruna, col cielo, e co le stelle, e co la luna, un’angosciosa e dura notte innarro. Poi, lasso!, a tal che non m’ascolta narro tutte le mie fatiche, ad una ad una, e col mondo, e con mia cieca fortuna, con Amor, madonna, e meco garro. Il sonno è ’n bando, e del riposo è nulla; ma sospiri, e lamenti in fin a l’alba, e lagrime che l’alma a li occhi invia. Vien poi l’aurora, e l’aura fosca inalba, me no; ma ’l sol che ’l cor m’arde e trastulla, quel pò solo adolcir la doglia mia.

CCXXIV S’una fede amorosa, un cor non finto, un languir dolce, un desiar cortese; s’oneste voglie in gentil foco accese, un lungo error in cieco laberinto; se ne la fronte ogni penser depinto, od in voce interrotte a pena intese, or da paura, or da vergogna offese; s’un pallor di viola e d’amor tinto; s’aver altrui più caro che sé stesso; se sospirare e lagrimar mai sempre, pascendosi di duol, d’ira e d’affanno; s’arder da lunge et agghiacciar da presso, son le cagion ch’amando i’ mi distempre, vostro, donna, ’l peccato, e mio fia ’l danno.

CCXXV Dodici donne onestamente lasse, anzi dodici stelle, e ’n mezzo un sole, vidi in una barchetta allegre e sole, qual non so s’altra mai onda solcasse. Simil non credo che Iason portasse al vello onde oggi ogni uom vestir si vòle, né ’l pastor di ch’ancor Troia si dole; de’ qua’ duo tal romor al mondo fasse. Poi le vidi in un carro triumfale, Laurea mia con suoi santi atti schifi sedersi in parte, e cantar dolcemente. Non cose umane, o vision mortale: felice Automedon, felice Tifi, che conduceste sí leggiadra gente!

CCXXVI Passer mai solitario in alcun tetto non fu quant’io, né fera in alcun bosco; ch’i’ non veggio ’l bel viso, e non conosco altro sol, né quest’occhi hann’altro obietto. Lagrimar sempre è ’l mio sommo diletto, il rider doglia, il cibo assenzio o tòsco; la notte affanno, e ’l ciel seren m’è fosco, e duro campo di battaglia il letto. Il sonno è veramente, qual uom dice, parente de la morte, e ’l cor sottragge a quel dolce penser che ’n vita il tène. Solo al mondo paese almo, felice, verdi rive fiorite, ombrose piagge, voi possedete, et io piango il mio bene.

CCXXVII Aura che quelle chiome bionde e crespe cercondi e movi, e se’ mossa da loro soavemente, e spargi quel dolce oro, e poi ’l raccogli e ’n bei nodi il rincrespe, tu stai nelli occhi ond’amorose vespe mi pungon sí, che ’n fin qua il sento e ploro, e vacillando cerco il mio tesoro, come animal che spesso adombre e ’ncespe; ch’or mel par ritrovar, et or m’accorgo ch’i’ ne son lunge, or mi sollievo or caggio, ch’or quel ch’i’ bramo, or quel ch’è vero scorgo. Aer felice, col bel vivo raggio rimanti. E tu, corrente e chiaro gorgo, ché non poss’io cangiar teco viaggio?

CCXXVIII Amor co la man destra il lato manco m’aperse, e piantòvi entro in mezzo ’l core un lauro verde, sí che di colore ogni smeraldo avria ben vinto e stanco. Vomer di penna, con sospir del fianco, e ’l piover giù dalli occhi un dolce umore l’addornâr sí, ch’al ciel n’andò l’odore, qual non so già se d’altre frondi unquanco. Fama, onor, e vertute, e leggiadria, casta bellezza in abito celeste son le radici de la nobil pianta. Tal mi trovo al petto, ove ch’i’ sia, felice incarco; e con preghiere oneste l’adoro, e ’nchino come cosa santa.

CCXXIX Cantai, or piango, e non men di dolcezza del pianger prendo che del canto presi; ch’a la cagion, non a l’effetto intesi son i miei sensi vaghi pur d’altezza. Indi a mansuetudine e durezza et atti feri, et umili, e cortesi, porto egualmente; né me gravan pesi, né l’arme mie punta di sdegni spezza. Tengan dunque vèr’ me l’usato stile Amor, madonna, il mondo, e mia fortuna; ch’i’ non penso esser mai se non felice. Viva o mora, o languisca, un più gentile stato del mio non è sotto la Luna; sí dolce è del mio amaro la radice.

CCXXX I’ piansi, or canto; ché ’l celeste lume quel vivo sole alli occhi mei non cela, nel qual onesto Amor chiaro revela sua dolce forza, e suo santo costume: onde e’ suol trar di lagrime tal fiume, per accorciar del mio viver la tela, che non pur ponte o guado, o remi o vela, ma scampar non potiemmi ale né piume. Sí profondo era, e di sí larga vena il pianger mio, e sí lunge la riva, ch’i’ v’aggiungeva col penser la pena. Non lauro o palma, ma tranquilla oliva pietà mi manda. e ’l tempo rasserena, e ’l pianto asciuga, e vuol ancor ch’i’ viva.

CCXXXI I’ mi vivea di mia sorte contento, senza lagrime, e senza invidia alcuna; che s’altro amante ha più destra fortuna, mille piacer non vaglion un tormento. Or quei belli occhi ond’io mai non mi pento de le mie pene, e men non ne voglio una, tal nebbia copre, sí gravosa e bruna, che ’l sol de la mia vita ha quasi spento. O Natura, pietosa e fera madre, onde tal possa, e sí contrarie voglie di far cose e disfar tanto leggiadre? D’un vivo fonte ogni poder s’accoglie: ma tu come ’l consenti, o sommo Padre, che del tuo caro dono altri ne spoglie?

CCXXXII Vincitore Alessandro l’ira vinse, e fe’ ’l minore in parte che Filippo: che li val se Pirgotile e Lisippo l’intagliâr, solo, et Apelle il depinse? L’ira Tideo a tal rabbia sospinse, che, morendo ei, si róse Melanippo: l’ira cieco del tutto, non pur lippo, fatto avea Silla; a l’ultimo l’estinse. Sal Velentinian, ch’a simil pena ira conduce; e sal quei che ne more, Aiace, in molti e poi in sé stesso forte. Ira è breve furore e, chi no ’l frena, è furor lungo, che ’l suo possessore spesso a vergogna, e talor mena a morte.

CCXXXIII Qual ventura mi fu, quando da l’uno de’ duo i più belli occhi che mai fûro, mirandol di dolor turbato e scuro, mosse vertù che fe’ ’l mio ’nfermo e bruno! Send’io tornato a solver il digiuno di veder lei che sola al mondo curo, fummi il Ciel et Amor men che mai duro, se tutte altre mie grazie inseme aduno. Ché dal destr’occhio, anzi dal destro sole de la mia donna, al mio destr’occhio venne il mal che mi diletta, e non mi dole; e pur com’intelletto avesse, e penne, passò quasi una stella che ’n ciel vóle; e natura e pietate il corso tenne.

CCXXXIV O cameretta, che già fosti un porto a le gravi tempeste mie diurne, fonte se’ or di lagrime notturne, che ’l dí celate per vergogna porto! O letticciuol, che requie eri e conforto in tanti affanni, di che dogliose urne ti bagna Amor, con quelle mani eburne, solo vèr’ me crudeli a sí gran torto! Né pur il mio secreto, e ’l mio riposo, fuggo, ma più me stesso, e ’l mio pensero che, seguendol talor, levommi a volo; e ’l vulgo, a me nemico, et odioso chi ’l pensò mai?), per mio refugio chero: tal paura ho di ritrovarmi solo.

CCXXXV Lasso!, Amor mi trasporta, ov’io non voglio; e ben m’accorgo che ’l dever si varca, onde, a chi nel mio cor siede monarca, sono importuno assai più ch’i’ non soglio. Né mai saggio nocchier guardò da scoglio nave di merci preziose carca, quant’io sempre la debile mia barca da le percosse del suo duro orgoglio. Ma lagrimosa pioggia, e fieri vènti d’infiniti sospiri or m’hanno spinta, ch’è nel mio mare orribil notte e verno, ov’altrui noie, a sé doglie e tormenti porta, e non altro, già da l’onde vinta, disarmata di vele e di governo.

CCXXXVI Amor, io fallo, e veggio il mio fallire, ma fo sí com’uom ch’arde e ’l foco ha ’n seno, ché ’l duol pur cresce, e la ragion vèn meno et è già quasi vinta da martíre. Solea frenare il mio caldo desire, per non turbare il bel viso sereno: non posso più; di man m’hai tolto il freno, e l’alma desperando ha preso ardire. Però s’oltra suo stile ella s’aventa, tu ’l fai, che sí l’accendi, e sí la sproni, ch’ogni aspra via per sua salute tenta; e più ’l fanno i celesti e rari doni, c’ha in sé madonna. Or fa almen ch’ella il senta, e le mie colpe a sé stessa perdoni.

CCXXXVII Non ha tanti animali il mar fra l’onde, né lassù sopra ’l cerchio de la Luna vide mai tante stelle alcuna notte, né tanti augelli albergan per li boschi, né tant’erbe ebbe mai campo né piaggia, quant’ha ’l mio cor pensier ciascuna sera. Di dí in dí spero omai l’ultima sera, che scevri in me dal vivo terren l’onde, e mi lasci dormire in qualche piaggia: ché tanti affanni uom mai sotto la Luna non sofferse quant’io; sannolsi i boschi che sol vo ricercando giorno e notte. Io non ebbi già mai tranquilla notte, ma sospirando andai matino e sera, poi ch’Amor fêmmi un cittadin de’ boschi. Ben fia, prima ch’i’ posi, il mar senz’onde, e la sua luce avrà ’l Sol da la Luna, e i fior d’april morranno in ogni piaggia. Consumando mi vo di piaggia in piaggia, el dí pensoso, poi piango la notte; né stato ho mai, se non quanto la luna. Ratto, come imbrunir veggio la sera, sospir del petto, e de li occhi escono onde, da bagnar l’erbe, e da crollare i boschi. Le città son nemiche, amici i boschi, a’ miei pensier, che per quest’alta piaggia sfogando vo col mormorar de l’onde per lo dolce silenzio de la notte: tal ch’io aspetto tutto ’l dí la sera, che ’l Sol si parta, e dia luogo a la Luna. Deh, or foss’io col vago de la luna adormentato in qua’ che verdi boschi; e questa ch’anzi vespro a me fa sera, con essa e con Amor in quella piaggia sola venisse a starsi ivi una notte; e ’l dí si stesse e ’l sol sempre ne l’onde. Sovra dure onde, al lume de la Luna, canzon, nata di notte in mezzo i boschi, ricca piaggia vedrai deman da sera.

CCXXXVIII Real natura, angelico intelletto, chiara alma, pronta vista, occhio cerviero, providenzia veloce, alto pensero, e veramente degno di quel petto: sendo di donne un bel numero eletto, per adornar il dí festivo e altèro, sùbito scorse il buon giudicio intero fra tanti, e sí bei vòlti, il più perfetto. L’altre maggior di tempo, o di fortuna, trarsi in disparte comandò con mano, e caramente accolse a sé quell’una. Li occhi e la fronte con sembiante umano basciolle sí che rallegrò ciascuna; me empiè d’invidia l’atto dolce e strano.

CCXXXIX Là vèr l’aurora, che sí dolce l’aura al tempo novo suol muovere i fiori e li augelletti incominciar lor versi, sí dolcemente i pensier dentro a l’alma mover mi sento a chi li ha tutti in forza, che ritornar convemmi a le mie note. Temprar potess’io in sí soavi note i miei sospiri, ch’addolcissen Laura, faccendo a lei ragion ch’a me fa forza! Ma pria fia ’l verno la stagion de’ fiori, ch’amor fiorisca in quella nobil alma, che non curò già mai rime né versi. Quante lagrime, lasso!, e quanti versi ho già sparti al mio tempo, e ’n quante note ho riprovato umiliar quell’alma! Ella si sta pur com’aspr’alme a l’aura dolce, la qual ben move frondi e fiori, ma nulla po’ se ’n contr’ha maggior forza. Omini e dèi solea vincer per forza Amor, come si legge in prose e ’n versi: et io ’l provai in sul primo aprir de’ fiori. Ora né ’l mio signor, né le sue note, né ’l pianger mio, né i prieghi pôn far Laura trarre o di vita o di martír quest’alma. A l’ultimo bisogno, o misera alma, accampa ogni tuo ingegno, ogni tua forza, mentre fra noi di vita alberga l’aura. Nulla al mondo è che non possano i versi; e li aspidi incantar sanno in lor note, non che ’l gielo adornar di novi fiori. Ridon or per le piagge erbette e fiori: esser non po’ che quella angelica alma non senta il suon de l’amorose note, Se nostra ria fortuna è di più forza, lagrimando e cantando i nostri versi e col bue zoppo andrem cacciando l’aura. In rete accolgo l’aura, e ’n ghiaccio i fiori, e ’n versi tanto sorda e rigida alma, che né forza d’Amor prezza, né note.

CCXL I’ ho pregato Amor, e ’l ne riprego, che mi scusi appo voi, dolce mia pena, amaro mio diletto, se, con piena fede, dal dritto mio sentier mi piego. I’ no ’l posso negar, donna, e no ’l nego, che la ragion, ch’ogni bona alma affrena, non sia dal voler vinta; ond’ei mi mena talor in parte ov’io per forza il sego. Voi, con quel cor, che di sí chiaro ingegno, di sí alta vertute il cielo alluma, quanto mai piovve da benigna stella, devete dir, pietosa e senza sdegno: Che pò questi altro? il mio vólto il consuma: ei perché ingordo, et io perché sí bella? -

CCXLI L’alto signor dinanzi a cui non vale nasconder, né fuggir, né far difesa, di bel piacer m’avea la mente accesa, con un ardente et amoroso strale; e ben che ’l primo colpo aspro e mortale fossi da sé, per avanzar sua impresa, una saetta di pietate ha presa, e quinci e quindi il cor punge e assale. L’una piaga arde, e versa foco e fiamma; lagrime l’altra che ’l dolor distilla, per li occhi mei, del vostro stato rio. Né, per duo fonti, sol una favilla rallenta de l’incendio che m’infiamma; anzi, per la pietà, cresce ’l desio.

CCXLII Mira quel colle, o stanco mio cor vago: ivi lasciammo ier lei, ch’alcun tempo ebbe qualche cura di noi, e le ne ’ncrebbe, or vorria trar de li occhi nostri un lago. Torna tu in là, ch’io d’esser sol m’appago; tenta se forse ancor tempo sarebbe da scemar nostro duol, che ’n fin qui crebbe, del mio mal partecipe, e presago. Or tu ch’hai posto te stesso in oblio, e parli al cor pur come e’ fusse or teco, miser, e pien di pensier vani e sciocchi! Ch’al dipartir dal tuo sommo desio, tu te n’andasti, e’ si rimase seco, e si nascose dentro a’ suoi belli occhi. -

CCXLIII Fresco, ombroso, fiorito e verde colle, ov’or pensando et or cantando siede, e fa qui de’ celesti spirti fede quella ch’a tutto ’l mondo fama tolle, il mio cor che per lei lasciar mi volle, e fe’ gran senno, e più se mai non riede, va or contando ove da quel bel piede segnata è l’erba, e da quest’occhi è molle. Seco si stringe, e dice a ciascun passo: - Deh fusse or qui, quel miser, pur un poco, ch’è già di pianger, e di viver lasso! - Ella sel ride; e non è pari il gioco: tu paradiso, i’ senza cor un sasso, o sacro, aventuroso, e dolce loco!

CCXLIV Il mal mi preme, e mi spaventa il peggio, al qual veggio sí larga e piana via, ch’i’ son intrato in simil frenesia, e con duro penser teco vaneggio; né so se guerra o pace a Dio mi cheggio, ché ’l danno è grave, e la vergogna è ria. Ma per che più languir? Di noi pur fia quel ch’ordinato è già nel sommo seggio. Ben ch’i’ non sia di quel grand’onor degno che tu mi fai, ché te n’ingana Amore, che spesso occhio ben san fa veder torto, pur d’alzar l’alma a quel celeste regno è il mio consiglio, e di spronare il core; perché ’l camin è lungo, e ’l tempo è corto.

CCXLV Due ròse fresche, e còlte in paradiso l’altr’ier, nascendo il dí primo di maggio, bel dono, e d’un amante antiquo e saggio, tra duo minori egualmente diviso, con sí dolce parlar e con un riso da far innamorare un uom selvaggio, di sfavillante et amoroso raggio e l’un e l’altro fe’ cangiare il viso. - Non vede un simil par d’amanti il Sole, - dicea, ridendo e sospirando inseme; e stringendo ambedue, volgeasi a torno. Cosí partía le ròse e le parole; onde ’l cor lasso ancor s’allegra e teme: felice eloquenzia! O lieto giorno!

CCXLVI L’aura, che ’l verde lauro e l’aureo crine soavemente sospirando move, fa con sue viste leggiadrette e nove l’anime da’ lor corpi pellegrine. Candida ròsa nata in dure spine, quando fia chi sua pari al mondo trove? Gloria di nostra etate! O vivo Giove, manda, prego, il mio in prima che ’l suo fine; sí ch’io non veggia il gran publico danno e ’l mondo remaner senza ’l suo sole, né li occhi miei, che luce altra non hanno, né l’alma, che pensar d’altro non vòle, né l’orecchie, ch’udir altro non sanno, senza l’oneste sue dolci parole.

CCXLVII Parrà forse ad alcun che ’n lodar quella ch’i’ adoro in terra, errante sia ’l mio stile, faccendo lei sovr’ogni altra gentile, santa, saggia, leggiadra, onesta, e bella. A me par il contrario; e temo ch’ella non abbia a schifo il mio dir troppo umíle, degna d’assai più alto e più sottile: e chi no ’l crede, venga egli a vedella. Si dirà ben: - Quello ove questi aspira è cosa da stancare Atene, Arpino, Mantova, e Smirna, e l’una e l’altra lira. - Lingua mortale al suo stato divino giunger non pòte: Amor la spinge e tira, non per elezion, ma per destino.

CCXLVIII Chi vuol veder quantunque po’ Natura e ’l Ciel tra noi, venga a mirar costei, ch’è sola un sol, non pur a li occhi mei, ma al mondo cieco, che vertù non cura; e venga tosto, perché Morte fura prima i migliori, e lascia star i rei: questa, aspettata al regno delli dèi, cosa bella mortal, passa e non dura. Vedrà, s’arriva a tempo ogni vertute, ogni bellezza, ogni real costume giunti in un corpo con mirabil tempre. Allor dirà che mie rime son mute, l’ingegno offeso dal soverchio lume: ma se più tarda, avrà da pianger sempre.

CCXLIX Qual paura ho, quando mi torna a mente quel giorno ch’í’ lasciai grave e pensosa madonna, e ’l mio cor seco! E non è cosa che sí volentier pensi, e sí sovente. I’ la riveggio starsi umilemente, tra belle donne, a guisa d’una ròsa tra minor fior; né lieta né dogliosa, come chi teme, et altro mal non sente. Deposta avea l’usata leggiadria, le perle, e le ghirlande, e i panni allegri, e ’l riso, e ’l canto, e ’l parlar dolce umano. Cosí in dubbio lasciai la vita mia: or tristi augurî, e sogni, e penser negri mi dànno assalto; e piaccia a Dio che ’n vano.

CCL Solea lontana in sonno consolarme con quella dolce angelica sua vista madonna; or mi spaventa e mi contrista, né di duol né di téma possa aitarme; ché spesso nel suo vólto veder parme vera pietà con grave dolor mista, et udir cose, onde ’l cor fede acquista, che di gioia e di speme si disarme. - Non ti sovèn di quella ultima sera - dice ella - ch’i’ lasciai li occhi tuoi molli e sforzata dal tempo me n’andai? I’ non tel potei dir, allor, né volli; or tel dico per cosa esperta e vera: non sperar di vedermi in terra mai. -

CCLI O misera et orribil visïone! è dunque ver che ’nnanzi tempo spenta sia l’alma luce che suol far contenta mia vita in pene et in speranze bone? Ma come è che sí gran romor non sone, per altri messi, e per lei stessa il senta? Or già Dio e Natura no ’l consenta, e falsa sia mia trista opinione. A me pur giova di sperare ancóra la dolce vista del bel viso adorno, che me mantene e ’l secol nostro onora. Se per salir a l’eterno soggiorno uscita è pur del bel albergo fòra, prego non tardi il mio ultimo giorno.

CCLII In dubbio di mio stato, or piango, or canto, e temo, e spero; et in sospiri, e ’n rime sfogo il mio incarco: Amor tutte sue lime usa sopra ’l mio core afflitto tanto. Or fia già mai che quel bel viso santo renda a quest’occhi le lor luci prime? (lasso!, non so che di me stesso estime) li condanni a sempiterno pianto? E per prendere il ciel, debito a lui, non curi che si sia di loro in terra, di ch’egli è ’l sole, e non veggiono altrui? In tal paura e ’n sí perpetua guerra vivo, ch’i’ non son più quel che già fui; qual chi per via dubbiosa teme et erra.

CCLIII O dolci sguardi, o parolette accorte, or fia mai il dí ch’i’ vi riveggia et oda? O chiome bionde, di che ’l cor m’annoda Amor, e cosí preso il mena a morte; o bel viso a me dato in dura sorte, di ch’io sempre pur pianga, e mai non goda; o chiuso inganno et amorosa froda, darmi un piacer che sol pena m’apporte! E se talor da’ belli occhi soavi, ove mia vita, e ’l mio pensero alberga, forse mi vèn qualche dolcezza onesta, sùbito, a ciò ch’ogni mio ben disperga e m’allontane, or fa cavalli, or navi Fortuna, ch’al mio mal sempre è sí presta.

CCLIV I’ pur ascolto, e non odo novella, de la dolce et amata mia nemica, né so ch’i’ me ne pensi o ch’i’ mi dica, sí ’l cor téma e speranza mi puntella. Nocque ad alcuna già l’esser sí bella: questa più d’altra è bella e più pudica: forse vuol Dio tal di vertute amica tôrre a la terra, e ’n ciel farne una stella, anzi un sole; e se questo è, la mia vita, i miei corti riposi e i lunghi affanni son giunti al fine. O dura dipartita, perché lontan m’hai fatto da’ miei danni? La mia favola breve è già compita, e fornito il mio tempo a mezzo gli anni.

CCLV La sera desiare, odiar l’aurora soglion questi tranquilli e lieti amanti; a me doppia la sera e doglia e pianti, la matina è per me più felice ora: ché spesso in un momento apron allora l’un sole e l’altro quasi duo levanti, di beltate e di lume sí sembianti, ch’anco il ciel de la terra s’innamora; come già fece, allor che ’ primi rami verdeggiâr, che nel cor radice m’hanno, per cui sempre altrui più che me stesso ami. Cosí di me due contrarie ore fanno; e chi m’acqueta è ben ragion ch’i’ brami, e téma et odi’ chi m’adduce affanno.

CCLVI Far potess’io vendetta di colei che guardando, e parlando, mi distrugge, e per più doglia poi s’asconde e fugge, celando li occhi, a me sí dolci e rei. Cosí li afflitti e stanchi spirti mei a poco a poco consumando sugge; e ’n sul cor, quasi fiero leon, rugge la notte allor quand’io posar devrei. L’alma, cui Morte del suo albergo caccia, da me si parte; e di tal nodo sciolta, vassene pur a lei che la minaccia. Meravigliomi ben, s’alcuna volta, mentre le parla, e piange, e poi l’abbraccia, non rompe il sonno suo, s’ella l’ascolta.

CCLVII In quel bel viso ch’i’ sospiro e bramo, fermi eran li occhi desiosi e ’ntensi, quando Amor porse (quasi a dir: - che pensi? -) quella onorata man che second’amo. Il corpo preso ivi come pesce a l’amo, onde a ben far per vivo essempio viensi, al ver non volse li occupati sensi, o come novo augello al visco in ramo; ma la vista privata del suo obietto, quasi sognando si facea far via, senza la qual è ’l suo bene imperfetto: l’alma, tra l’una e l’altra gloria mia, quasi celeste, non so, novo diletto e qual strania dolcezza si sentia.

CCLVIII Vive faville uscían de’ duo bei lumi vér me sí dolcemente folgorando, e parte d’un cor saggio sospirando, d’alta eloquenza sí soavi fiumi, che per il rimembrar par mi consumi qualor a quel dí torno, ripensando come venieno i miei spirti mancando al variar de’ suoi duri costumi. L’alma nudrita sempre in doglia e ’n pene, (quanto è ’l poder d’una prescritta usanza!) contra ’l doppio piacer sí ’nferma fue, ch’al gusto sol del disusato bene, tremando or di paura or di speranza, d’abandonarme fu spesso en tra due.

CCLIX Cercato ho sempre solitaria vita (le rive il sanno, e le campagne e i boschi) per fuggir questi ingegni sordi e loschi, che la strada del cielo hanno smarrita: e se mia voglia in ciò fusse compita, fuor del dolce aere de’ paesi tòschi ancor m’avria tra ’ suoi bei colli foschi Sorga, ch’a pianger e cantar m’aita. Ma mia fortuna, a me sempre nemica, mi risospigne al loco ov’io mi sdegno veder nel fango il bel tesoro mio. A la man, ond’io scrivo, è fatta amica a questa volta; e non è forse indegno: Amor sel vide, e sal madonna et io.

CCLX In tale stella duo belli occhi vidi, tutti pien d’onestade e di dolcezza, che presso a quei d’Amor leggiadri nidi il mio cor lasso ogni altra vista sprezza. Non si pareggi a lei qual più s’aprezza, in qual ch’etade, in quai che strani lidi: non chi recò con sua vaga bellezza in Grecia affanni, in Troia ultimi stridi; no la bella romana che col ferro apre il suo casto e disdegnoso petto; non Polissena, Isifile et Argia. Questa eccellenzia è gloria, s’i’ non erro, grande a natura, a me sommo diletto, ma che vèn tardo, e sùbito va via.

CCLXI Qual donna attende a gloriosa fama, di senno, di valor, di cortesia, miri fiso nelli occhi a quella mia nemica, che mia donna il mondo chiama. Come s’acquista onor, come Dio s’ama, come è giunta onestà con leggiadria, ivi s’impara, e qual è dritta via di gir al ciel, che lei aspetta e brama; ivi ’l parlar che nullo stile aguaglia, e ’l bel tacere, e quei cari costumi, che ’ngegno uman non po’ spiegar in carte. L’infinita bellezza, ch’altrui abbaglia, non vi s’impara; ché quei dolci lumi s’acquistan per ventura e non per arte.

CCLXII - Cara la vita, e dopo lei mi pare vera onestà, che ’n bella donna sia. - - L’ordine volgi: e’ non fûr, madre mia, senza onestà mai cose belle o care. E qual si lascia di suo onor privare, né donna è più, né viva; e se qual pria appare in vista, è tal vita aspra e ria via più che morte, e di più pene amare. Né di Lucrezia mi meravigliai, se non come a morir le bisognasse ferro, e non le bastasse il dolor solo. - Vengan quanti filosofi fûr mai a dir ciò: tutte lor vie fíen basse; e quest’una vedremo alzarsi a volo.

CCLXIII Arbor vittoriosa trïumfale, onor d’imperadori e di poeti, quanti m’hai fatto dí dogliosi e lieti in questa breve mia vita mortale! Vera donna, et a cui di nulla cale, se non d’onor, che sovr’ogni altra mieti, né d’Amor visco témi, o lacci, o reti, né ’nganno altrui contr’al tuo senno vale. Gentilezza di sangue, e l’altre care cose tra noi, perle e robini et oro, quasi vil soma egualmente dispregi. L’alta beltà, ch’al mondo non ha pare, noia t’è, se non quanto il bel tesoro di castità par ch’ella adorni e fregi.



Inizio pagina


Petrarca - Home Page


Canzoniere 1 - Rime da 1 a 99


Canzoniere 2 - Rime da 100 a 199


Canzoniere 4 - Rime da 264 a 299


Canzoniere 5 - Rime da 300 a 366


Petrarca - Poemi in Italiano


Petrarca - Poema 126


Petrarca
Italiano=>English=>Nederlands


Petrarca - In het Nederlands


Dead Poets Society



Homepage


Pageviews since/sinds 21-03-2002: 

© Gaston D'Haese: 18-11-2OO6.
Aggiornamento: 13-10-2015.