Francesco Petrarca
Francesco Petrarca 
°Arezzo 1304 +Arquà 1374 
Poeta e letterato italiano
Canzoniere V

In morte di Madonna Laura

CCC
Quanta invidia ti porto, avara terra, ch’abbracci quella, cui veder m’è tolto, e mi contendi l’aria del bel vólto, dove pace trovai d’ogni mia guerra! Quanta ne porto al ciel, che chiude e serra, e sí cupidamente ha in sé raccolto lo spirto da le belle membra sciolto, e per altrui sí rado si diserra! Quanta invidia a quest’anime che ’n sorte hanno or sua santa e dolce compagnia, la qual io cercai sempre con tal brama! Quant’a la dispietata e dura morte, ch’avendo spento in lei la vita mia, stassi ne’ suoi begli occhi, e me non chiama!
CCCI
Valle che de’ lamenti miei se’ piena, fiume che spesso del mio pianger cresci, fere selvestre, vaghi augelli e pesci che l’una e l’altra verde riva affrena, aria de’ miei sospir calda e serena, dolce sentier che sí amaro riesci, colle che mi piacesti, or mi rincresci, ov’ancor per usanza Amor mi mena, ben riconosco in voi l’usate forme, non, lasso!, in me, che da sí lieta vita son fatto albergo d’infinita doglia. Quinci vedea ’l mio bene; e per queste orme torno a vedere ond’al ciel nuda è gita, lasciando in terra la sua bella spoglia.
CCCII
Levommi il mio pensèr in parte ov’era quella ch’io cerco, e non ritrovo in terra: ivi, fra lor che ’l terzo cerchio serra, la rividi più bella, e meno altèra. Per man mi prese, e disse: - In questa spera sarai ancor meco, se ’l desir non erra; i’ so’ colei che ti die’ tanta guerra, e compiè mia giornata inanzi sera. Mio ben non cape in intelletto umano: te solo aspetto, e quel che tanto amasti e là giuso è rimaso, il mio bel velo. - Deh, perché tacque, et allargò la mano? Ch’al suon dei detti sí pietosi e casti poco mancò ch’io non rimasi in cielo.
CCCIII
Amor, che meco a buon tempo ti stavi tra queste rive, a’ pensier nostri amiche, e per saldar le ragion nostre antiche meco e col fiume ragionando andavi fior, frondi, erbe, ombre, antri, onde, aure soavi, valli chiuse, alti colli e piagge apriche, porto de l’amorose mie fatiche, de le fortune mie tante, e sí gravi; o vaghi abitator de’ verdi boschi, o ninfe, e voi che ’l fresco erboso fondo del liquido cristallo alberga e pasce; i dí miei fûr sí chiari, or son sí foschi, come Morte che ’l fa. Cosí nel mondo sua ventura ha ciascun dal dí che nasce.
CCCIV
Mentre che ’l cor da gli amorosi vermi fu consumato, e ’n fiamma amorosa arse, di vaga fera le vestigia sparse cercai per poggi solitari et ermi; et ebbi ardir cantando di dolermi d’Amor, di lei che sí dura m’apparse: ma l’ingegno e le rime erano scarse in quella etate a i pensier novi e ’nfermi. Quel foco è morto, e ’l cuore un picciol marmo: che se col tempo fossi ito avanzando, come già in altri, in fino a la vecchiezza, di rime armato, ond’oggi mi disarmo, con stil canuto avrei fatto parlando romper le pietre, e pianger di dolcezza.
CCCV
Anima bella, da quel nodo sciolta che più bel mai non seppe ordir natura, pon dal ciel mente a la mia vita oscura, da sí lieti pensieri a pianger volta. La falsa opinion dal cor s’è tolta, che mi fece alcun tempo acerba e dura tua dolce vista: omai tutta secura volgi a me gli occhi, e i miei sospiri ascolta. Mira ’l gran sasso, donde Sorga nasce, e vedra’ vi un che sol tra l’erbe e l’acque di tua memoria, e di dolor si pasce. Ove giace il tuo albergo, e dove nacque il nostro amor, vo’ ch’abbandoni e lasce, per non veder ne’ tuoi quel ch’a te spiacque.
CCCVI
Quel sol che mi mostrava il camin destro di gire al ciel con gloriosi passi, tornando al sommo sole, in pochi sassi chiuse ’l mio lume, e ’l suo carcer terrestro ond’io son fatto un animal silvestro, che co’ pie’ vaghi, solitari e lassi porto ’l cor grave, e gli occhi umidi e bassi al mondo, ch’è per me un deserto alpestro. Cosí vo ricercando ogni contrada ov’io la vidi; e sol tu che m’affligi, Amor, vien meco, e mostrimi ond’io vada. Lei non trov’io, ma suoi santi vestigi tutti rivolti a la superna strada veggio, lunge da’ laghi averni e stigi.
CCCVII
I’ pensava assai destro esser su l’ale, non per lor forza, ma di chi le spiega, per gir cantando a quel nodo eguale, onde Morte m’assolve, Amor mi lega. Trovaimi a l’opra via più lento e frale d’un picciol ramo cui gran fascio piega; e dissi: - A cader va chi troppo sale; né si fa ben per uom quel che ’l ciel nega. - Mai non porìa volar penna d’ingegno, non che stil grave o lingua, ove Natura volò tessendo il mio dolce ritegno. Seguilla Amor con sí mirabil cura in adornarlo, ch’i’ non era degno pur de la vista; ma fu mia ventura.
CCCVIII
Quella per cui con Sorga ho cangiato Arno, con franca povertà serve ricchezze, volse in amaro sue sante dolcezze, ond’io già vissi, or me ne struggo e scarno. Da poi più volte ho ritrovato indarno al secol che verrà l’alte bellezze pinger cantando, a ciò che l’ame e prezze; né col mio stile il suo bel viso incarno. Le lode mai non d’altra, e proprie sue, che ’n lei fûr come stelle in cielo sparte, pur ardisco ombreggiare, or una, or due; ma poi ch’i’ giungo a la divina parte, ch’un chiaro e breve sole al mondo fue, ivi manca l’ardir, l’ingegno e l’arte.
CCCIX
L’alto e novo miracol ch’a’ dí nostri apparve al mondo, e star seco non volse, che sol ne mostrò ’l ciel, poi sel ritolse, per adornare i suoi stellanti chiostri, vuol ch’i’ depinga a chi no ’l vide, e ’l mostri, Amor, che ’n prima la mia lingua sciolse, per mille volte indarno a l’opra volse impegno, tempo, penne, carta, enchiostri. Non son al sommo ancor giunte le rime: in me il conosco; e provai ben chiunque è ’n fin a qui, che d’amor parli o scriva. Chi sa pensare, il ver tacito estime, ch’ogni stil vince, e poi sospire: - Adunque beati gli occhi che la vider viva! -
CCCX
Zefiro torna, e ’l bel tempo rimena, e i fiori e l’erbe, sua dolce famiglia, e garrir Progne, e pianger Filomena, e primavera candida e vermiglia. Ridono i prati, e ’l ciel si rasserena; Giove s’allegra di mirar sua figlia; l’aria, e l’acqua, e la terra è d’amor piena; ogni animal d’amar si riconsiglia. Ma per me, lasso!, tornano i più gravi sospiri, che del cor profondo tragge quella ch’al ciel se ne portò le chiavi; e cantar augelletti, e fiorir piagge, e ’n belle donne oneste atti soavi sono un deserto, e fere aspre e selvagge.
CCCXI
Quel rosigniuol che sí soave piagne, forse suoi figli, o sua cara consorte, di dolcezza empie il cielo e le campagne con tante note sí pietose e scorte; e tutta notte par che m’accompagne, e mi rammente la mia dura sorte; ch’altri che me non ho di ch’i’ mi lagne; ché ’n dee non credev’io regnasse Morte. O che lieve è inganar chi s’assecura! Que’ duo bei lumi assai più che ’l sol chiari chi pensò mai veder far terra oscura? Or cognosco io che mia fera ventura vuol che vivendo e lagrimando impari come nulla qua giù diletta, e dura.
CCCXII
Né per sereno ciel ir vaghe stelle, né per tranquillo mar legni spalmati, né per campagne cavalieri armati, né per bei boschi allegre fere e snelle; né d’aspettato ben fresche novelle, né dir d’amore in stili alti et ornati, né tra chiare fontane e verdi prati dolce cantare oneste donne e belle; né altro sarà mai ch’al cor m’aggiumga, sí seco il seppe quella seppellire che sola a gli occhi miei fu lume e speglio. Noia m’è ’l viver sí gravosa e lunga, ch’i’ chiamo il fine, per lo gran desire di riveder cui non veder fu ’l meglio.
CCCXIII
Passato è ’l tempo omai, lasso!, che tanto con refrigerio in mezzo ’l foco vissi; passata è quella di ch’io piansi e scrissi, ma lasciato m’ha ben la penna e ’l pianto. Passato è ’l viso sí leggiadro e santo, ma, passando, i dolci occhi al cor m’ha fissi, al cor già mio, che seguendo partissi lei ch’avolto l’avea nel suo bel manto. Ella ’l se ne portò sotterra, e ’n cielo, ove or triunfa, ornata de l’alloro che meritò la sua invitta onestate. Cosí, disciolto dal mortal mio velo ch’a forza mi tien qui, foss’io con loro fuor de’ sospir fra l’anime beate!
CCCXIV
Mente mia, che presaga de’ tuoi danni, al tempo lieto già pensosa e trista, sí ’ntentamente ne l’amata vista requie cercavi de’ futuri affanni, a gli atti, a le parole, al viso, a i panni, a la nova pietà con dolor mista: potêi ben dir, se del tutto eri avista: - Questo è l’ultimo dí de’ miei dolci anni. - Qual dolcezza fu quella, o misera alma! come ardavamo in quel punto ch’i’ vidi gli occhi, i quai non devea riveder mai, quando a lor, come a’ duo amici più fidi, partendo, in guardia la più nobil salma, i miei cari penseri e ’l cor lasciai!
CCCXV
Tutta la mia fiorita e verde etade passava; e ’ntepidir sentìa già ’l foco ch’arse il mio core; et era giunto al loco ove scende la vita, ch’al fin cade. Già incomminciava a prender securtade la mia cara nemica a poco a poco de’ suoi sospetti, e rivolgeva in gioco mie pene acerbe sua dolce onestade. Presso era ’l tempo dove Amor si scontra con Castitade, et a gli amanti è dato sedersi inseme, e dir che lor incontra. Morte ebbe invidia al mio felice stato, anzi a la speme; e fêglisi a l’incontra a mezza via, come nemico armato.
CCCXVI
Tempo era omai da trovar pace o triegua di tanta guerra, et erane in via forse; se non che ’ lieti passi in dietro torse chi le disuguaglianze nostre adegua. Chè, come nebbia al vento si dilegua, cosí sua vita sùbito trascorse quella che già co’ begli occhi mi scòrse, et or convèn che col penser la segua. Poco avev’a ’ndugiar, ché gli anni e ’l pelo cangiavano i costumi; onde sospetto non fôra il ragionar del mio mal seco. Con che onesti sospiri l’avrei detto le mie lunghe fatiche, ch’or dal cielo vede, son certo, e duolsene ancor meco!
CCCXVII
Tranquillo porto avea mostrato Amore a la mia lunga e torbida tempesta fra gli anni de la età matura onesta, che i vizii spoglia, e vertù veste e onore. Già traluceva a’ begli occhi il mio core, e l’alta fede non più lor molesta. Ahi, Morte ria, come a schiantar se’ presta il frutto de molt’anni in sí poche ore! Pur, vivendo, veniasi ove deposto in quelle caste orecchie avrei, parlando, de’ miei dolci pensier l’antiqua soma; et ella avrebbe a me forse resposto qualche santa parola sospirando, cangiàti i vólti, e l’una e l’altra coma.
CCCXVIII
Al cader d’una pianta che si svelse come quella che ferro o vento sterpe, spargendo a terra le sue spoglie eccelse, mostrando al sol la sua squalida sterpe, vidi un’altra ch’Amor obietto scelse, subietto in me Calliope e Euterpe; che ’l cor m’avinse, e proprio albergo fêlse, qual per trunco o per muro edera serpe. Quel vivo lauro, ove solean far nido li alti penseri e i miei sospiri ardenti, che de’ bei rami mai non mossen fronda, al ciel translato, in quel suo albergo fido lasciò radici, onde con gravi accenti è ancor chi chiami, e non è chi risponda.
CCCXIX
I dí miei, più leggier che nesun cervo, fuggir come ombra; e non vider più bene ch’un batter d’occhio, e poche ore serene, ch’amare e dolci ne la mente servo. Misero mondo, instabile e protervo, del tutto è cieco chi ’n te pon sua spene: ché ’n te mi fu ’l cor tolto; et or sel tène tal ch’è già terra, e non giunge osso a nervo. Ma la forma miglior, che vive ancóra, e vivrà sempre su ne l’alto cielo, di sue bellezze ogni or più m’innamora; e vo, sol in pensar, cangiando il pelo, qual ella è oggi, e ’n qual parte dimora, qual a vedere il suo leggiadro velo.
CCCXX
Sento l’aura mia antica, e i dolci colli veggio apparire, onde ’l bel lume nacque che tenne gli occhi mei contr’al ciel piacque bramosi e lieti, or li tèn tristi e molli. O caduche speranze! o penser folli! Vedove l’erbe, e torbide son l’acque, e vòto e freddo ’l nido in ch’ella giacque, nel qual io vivo, e morto giacer volli, sperando al fin de le soavi piante e da’ belli occhi suoi, che ’l cor m’hann’arso, riposo alcun de le fatiche tante. Ho servito a signor crudele e scarso; ch’arsi quanto ’l mio foco ebbi davante, or vo piangendo il suo cenere sparso.
CCCXXI
È questo ’l nido, in che la mia fenice mise l’aurate e purpuree penne? che sotto le sue ali il mio cor tenne, e parole e sospiri anco ne elice? O dolce mio mal prima radice, ov’è il bel viso, onde quel lume venne che vivo e lieto, ardendo, mi mantenne? Sol eri in terra; or se’ nel ciel felice. E m’hai lasciato qui misero, e solo, tal che pien di duol sempre al loco torno, che per te consecrato onoro e colo; veggendo a’ colli oscura notte intorno, onde prendesti al ciel l’ultimo volo, e dove li occhi tuoi solean far giorno.
CCCXXII
Mai non vedranno le mie luci asciutte con le parti de l’animo tranquille quelle note, ov’Amor par che sfaville, e Pietà di sua man l’abbia costrutte. Spirto già invitto a le terrene lutte, ch’or su dal ciel tanta dolcezza stille, ch’a lo stil, onde Morte dipartille, le disviate rime hai ricondutte, di mie tènere frondi altro lavoro credea mostrarte. E qual fero pianeta ne ’nvidiò inseme, o mio nobil tesoro? Chi ’nnanzi tempo mi t’asconde e vieta, che col cor veggio e co la lingua onoro, e ’n te, dolce sospir, l’alma s’acqueta?
CCCXXIII
Standomi un giorno solo a la fenestra, onde cose vedea tante, e sí nove, ch’era sol di mirar quasi già stanco, una fera m’apparve da man destra, con fronte umana, da far arder Giove, cacciata da duo veltri, un nero, un bianco, che l’un e l’altro fianco de la fera gentil mordean sí forte, che ’n poco tempo la menaro al passo ove chiusa in un sasso vinse molta bellezza acerba morte; e mi fe’ sospirar sua dura sorte. Indi per alto mar vidi una nave, con le sarte di seta, e d’òr la vela, tutta d’avorio e d’ebeno contesta; e ’l mar tranquillo, e l’aura era soave, e ’l ciel qual è se nulla nube il vela; ella carca di ricca merce onesta: poi repente tempesta oriental turbò sí l’aere e l’onde, che la nave percosse ad uno scoglio. O che grave cordoglio! Breve ora oppresse, e poco spazio asconde, l’alte ricchezze a null’altre seconde. In un boschetto novo i rami santi fiorian d’un lauro giovenetto e schietto, ch’un delli arbor parea di paradiso; e di sua ombra uscìan sí dolci canti, di varî augelli, e tant’altro diletto, che del mondo m’avean tutto diviso: e mirandol io fiso, cangiossi ’l cielo intorno, e tinto in vista, folgorando ’l percosse, e da radice quella pianta felice sùbito svelse: onde mia vita è trista, ché simile ombra mai non si racquista. Chiara fontana, in quel medesmo bosco, sorgea d’un sasso, et acque fresche e dolci spargea, soavemente mormorando; al bel seggio, riposto, ombroso, e fosco, né pastori appressavan né bifolci, ma ninfe e muse, a quel tenor cantando: ivi m’assisi; e quando più dolcezza prendea di tal concento, e di tal vista, aprir vidi uno speco, e portarsene seco la fonte, e ’l loco: ond’ancor doglia sento, e sol de la memoria mi sgomento. Una strania fenice, ambedue l’ale di porpora vestita, e ’l capo d’oro, vedendo per la selva, altèra e sola, veder forma celeste et immortale prima pensai, fin ch’a lo svelto alloro giunse, et al fonte che la terra invola: ogni cosa al fin vola; ché mirando le frondi a terra sparse, e ’l troncon rotto, e quel vivo umor secco, volse in se stessa il becco, quasi sdegnando, e ’n un punto disparse: onde ’l cor di pietate, e d’amor m’arse. Al fin vid’io, per entro i fiori e l’erba, pensosa ir sí leggiadra e bella donna, che mai no ’l penso ch’i’ non arda e treme, umile in sé, ma ’ncontra Amor superba; et avea in dosso sí candida gonna, sí testa, ch’oro e neve parea inseme; ma le parti supreme eran avolte d’una nebbia oscura: punta poi nel tallon d’un picciol angue, come fior còlto langue, lieta si dipartìo, non che secura: ahi, nulla, altro che pianto, al mondo dura! Canzon, tu puoi ben dire: - Queste sei visioni al signor mio han fatto un dolce di morir desio. -
CCCXXIV
Amor, quando fiorìa mia spene, e ’l guidardon di tanta fede, tolta m’è quella ond’attendea mercede. Ahi, dispietata morte! ahi, crudel vita! L’una m’ha posto in doglia, e mie speranze acerbamente ha spente; l’altra mi tèn qua giù contra mia voglia, e lei, che se n’è gita, seguir non posso, ch’ella no ’l consente; ma pur ogni or presente nel mezzo del meo cor madonna siede, e qual è la mia vita ella sel vede.
CCCXXV
Tacer non posso, e temo non adopre contrario effetto la mia lingua al core, che vorria far onore a la sua donna, che dal ciel n’ascolta. Come poss’io, se non m’insegni, Amore, con parole mortali aguagliar l’opre divine, e quel che copre alta umiltade, in se stessa raccolta? Ne la bella pregione, ond’è or sciolta, poco era stato ancor l’alma gentile, al tempo che di lei prima m’accorsi; onde sùbito corsi (ch’era de l’anno e di mi’ etate aprile) a coglier fiori, in quei prati d’intorno, sperando a li occhi suoi piacer sí addorno. Muri eran d’alabastro, e ’l tetto d’oro, d’avorio uscio, e fenestre di zaffiro, onde ’l primo sospiro mi giunse al cor, e giugnerà l’estremo. Indi i messi d’Amor armati usciro di saette e di foco; ond’io di loro, coronati d’alloro, pur come or fusse, ripensando tremo. D’un bel diamante, quadro, e mai non scemo, vi si vedea, nel mezzo, un seggio altèro, ove, sola, sedea la bella donna; dinanzi, una colonna, cristallina, et iv’entro ogni pensero, scritto, e fòr tralucea sí chiaramente, che mi fea lieto, e sospirar sovente. A le pungenti, ardenti, e lucide arme, a la vittoriosa insegna verde, contra cui in campo perde Giove, et Apollo, e Polifemo, e Marte, ov’è ’l pianto ogni or fresco, e si rinverde, giunto mi vidi; e non possendo aitarme, preso lassai menarme, ond’or non so d’uscir la via, né l’arte. Ma sí com’uom talor che piange, e parte vede cosa, che li occhi, e ’l cor alletta, cosí colei per ch’io son in pregione, standosi ad un balcone, che fu sola a’ suoi dí cosa perfetta, cominciai a mirar con tal desio, che me stesso, e ’l mio mal posi in oblio. I’ era in terra, e ’l cor in paradiso, dolcemente obliando ogni altra cura; e mia viva figura far sentìa un marmo, e ’mpier di meraviglia; quando una donna assai pronta, e secura, di tempo antica, e giovene del viso, vedendomi sí fiso, a l’atto de la fronte, e de le ciglia: - Meco - mi disse - meco ti consiglia, ch’i’ son d’altro poder che tu non credi; e so far lieti e tristi in un momento, più leggiera che ’l vento; e reggo, e volvo quanto al mondo vedi. Tien pur li occhi come aquila in quel sole; parte dà orecchi a queste mie parole. Il dí che costei nacque, eran le stelle che producon fra voi felici effetti, in luoghi alti, et eletti, l’una vèr l’altra, con amor, converse; Venere, e ’l padre con benigni aspetti tenean le parti signorili e belle; e le luci impie e felle quasi in tutto del ciel eran disperse. Il sol mai sí bel giorno non aperse; l’aere, e la terra s’allegrava, e l’acque, per lo mar, avean pace, e per li fiumi. Fra tanti amici lumi, una nube lontana mi dispiacque; la qual temo che ’n pianto si resolve, se pietate altramente il ciel non volve. Com’ella venne in questo viver basso, ch’a dir il ver, non fu degno d’averla, cosa nova a vederla, già santissima e dolce, ancor acerba, parea chiusa in òr fin candida perla; et or carpone, or con tremante passo, legno, acqua, terra, o sasso, verde facea, chiara, soave, e l’erba con le palme o co i pie’ fresca e superba; e fiorir co i belli occhi le campagne, et acquetar i vènti, e le tempeste, con voci ancor non preste di lingua che dal latte si scompagne; chiaro mostrando al mondo sordo e cieco quanto lume del ciel fusse già seco. Poi che crescendo in tempo, et in vertute, giunse a la terza sua fiorita etate, leggiadria, né beltate, tanta non vide ’l sol, credo, già mai: li occhi pien di letizia e d’onestate, e ’l parlar di dolcezza, e di salute. Tutte lingue son mute, a dir di lei quel che tu sol ne sai. Sí chiaro ha ’l vólto di celesti rai, che vostra vista in lui non pò fermarse; e da quel suo bel carcere terreno di tal foco hai ’l cor pieno, ch’altro più dolcemente mai non arse. Ma parmi che sua sùbita partita tosto ti fia cagion d’amara vita. - Detto questo, a la sua volubil rota si volse, in ch’ella fila il nostro stame, trista, e certa indivina de’ miei danni; ché dopo non molt’anni, quella, per ch’io ho di morir tal fame, canzon mia, spense Morte, acerba, e rea, che più bel corpo occider non potea.
CCCXXVI
Or hai fatto l’estremo di tua possa, o crudel Morte; or hai ’l regno d’Amore impoverito; or di bellezza il fiore, e ’l lume, hai spento, e chiuso in poca fossa; or hai spogliata nostra vita, e scossa, d’ogni ornamento, e del sovran suo onore: ma la fama e ’l valor, che mai non more, non è in tua forza: abbiti ignude l’ossa; ché l’altro ha ’l cielo, e di sua chiaritate, quasi d’un più bel sol, s’allegra e gloria; e fi’ al mondo de’ buon sempre in memoria. Vinca ’l cor vostro, in sua tanta vittoria, angel novo, lassù, di me pietate, come vinse qui ’l mio vostra beltate.
CCCXXVI
L’aura, e l’odore, e ’l refrigerio, e l’ombra del dolce lauro, e sua vista fiorita, lume e riposo di mia stanca vita, tolt’ha colei che tutto ’l mondo sgombra. Come a noi il sol se sua soror l’adombra, cosí l’alta mia luce a me sparita, i’ cheggio a Morte in contr’a Morte aita; di sí scuri penseri Amor m’ingombra. Dormit’hai, bella donna, un breve sonno; or sei svegliata fra li spirti eletti, ove nel suo Fattor l’alma s’interna: e se mie rime alcuna cosa ponno, consecrata fra i nobili intelletti, fia del tuo nome, qui, memoria eterna.
CCCXXVIII
L’ultimo, lasso!, de’ miei giorni allegri, che pochi ho visto in questo viver breve, giunto era, e fatto ’l cor tepida neve, forse presago de’ dí tristi e negri. Qual ha già i nervi e i polsi e i penser egri cui domestica febbre assalir deve, tal mi sentìa, non sappiend’io che lève venisse ’l fin de’ miei ben non intègri. Li occhi belli, or in ciel chiari e felici del lume onde salute e vita piove, lasciando i miei qui miseri e mendici, dicean lor con faville oneste e nove: - Rimanetevi in pace, o cari amici; qui mai più, no ma rivedrenne altrove. -
CCCXXIX
O giorno, o ora, o ultimo momento, o stelle congiurate a ’mpoverirme! o fido sguardo, or che volei tu dirme, partend’io per non esser mai contento? Or conosco i miei danni, or mi risento: ch’i’ credeva (ahi, credenze vane e ’nfirme) perder parte, non tutto, al dipartirme: quante speranze se ne porta il vento! Ché già ’l contrario era ordinato in cielo: spegner l’almo mio lume ond’io vivea: e scritto era in sua dolce amara vista. Ma ’nnanzi a gli occhi m’era post’un velo, che mi fea non veder quel ch’i’ vedea, per far mia vita sùbito più trista.
CCCXXX
Quel vago, dolce, caro, onesto sguardo dir parea: - To’ di me quel che tu pòi, ché mai più qui non mi vedrai da poi ch’avrai quinci il pe’ mosso, a mover tardo. - Intelletto veloce più che pardo, pigro in antivedere i dolor tuoi, come non vedestù nelli occhi suoi quel che ved’ora, ond’io mi struggo et ardo? Taciti sfavillando oltra lor modo, dicean: - O lumi amici, che gran tempo, con tal dolcezza fêste di noi specchi, il ciel n’aspetta: a voi parrà per tempo; ma chi ne strinse qui, dissolve il nodo, e ’l vostro, per farv’ira, vuol che ’nvecchi.
CCCXXXI
Solea da la fontana di mia vita allontanarme, e cercar terre e mari, non mio voler, ma mia stella seguendo; e sempre andai, tal Amor diemmi aita, in quelli essilii, quanto e’ vide, amari, di memoria e di speme il cor pascendo. Or lasso!, alzo la mano, e l’arme rendo a l’empia e violenta mia fortuna, che privo m’ha di sí dolce speranza. Sol memoria m’avanza, e pasco ’l gran desir sol di quest’una; onde l’alma vien men, frale e digiuna. Come a corrier tra via, se ’l cibo manca, conven per forza rallentare il corso, scemando la vertù che ’l fea gir presto, cosí, mancando a la mia vita stanca quel caro nutrimento, in che di morso die’ chi ’l mondo fa nudo, e ’l mio cor fa mesto, il dolce acerbo, e ’l bel piacer molesto mi si fa d’ora in ora; onde ’l camino sí breve non fornir spero e pavento. Nebbia o polvere al vento, fuggo per più non esser pellegrino: e cosí vada, s’è pur mio destino. Mai questa mortal vita a me non piacque (sassel Amor, con cui spesso ne parlo) se non per lei che fu ’l suo lume, e ’l mio: poi che ’n terra morendo, al ciel rinacque, quello spirto, ond’io vissi, a seguitarlo (licito fusse!) è ’l mi’ sommo desio. Ma da dolermi ho ben sempre, per ch’io fui mal accorto, a proveder mio stato, ch’Amor mostrommi sotto quel bel ciglio, per darmi altro consiglio: ché tal morì già tristo e sconsolato, cui poco inanzi era ’l morir beato. Nelli occhi ov’abitar solea ’l mio core fin che mia dura sorte invidia n’ebbe, che di sí ricco albergo il pose in bando, di sua man propria avea descritto Amore con lettre di pietà, quel ch’averrebbe tosto del mio sí lungo ir desiando. Bello e dolce morire era allor quando, morend’io, non morìa mia vita inseme, anzi vivea di me l’ottima parte: or mie speranze sparte ha morte, e poca terra il mio ben preme; e vivo; e mai no ’l penso ch’i’ non treme. Se stato fusse il mio poco intelletto meco al bisogno, e non altra vaghezza l’avesse disviando altrove vòlto, ne la fronte a madonna avrei ben letto: - al fin se’ giunto d’ogni tua dolcezza et al principio del tuo amaro molto. - Questo intendendo, dolcemente sciolto in sua presenzia del mortal mio velo e di questa noiosa e grave carne, potea inanzi lei andarne, a veder preparar sua sedia in cielo; or l’andrò dietro, omai, con altro pelo. Canzon, s’uom trovi in suo amor viver queto, di’: - Muor, mentre se’ lieto; ché morte, al tempo, è, non duol, ma refugio; e chi ben pò morir, non cerchi indugio. -
CCCXXXII
Mia benigna fortuna, e ’l viver lieto, i chiari giorni, e le tranquille notti, e i soavi sospiri, e ’l dolce stile che solea resonare in versi e ’n rime, vòlti subitamente in doglia e ’n pianto, odiar vita mi fanno e bramar morte. Crudele, acerba, inesorabil Morte, cagion mi dà di mai non esser lieto, ma di menar tutta mia vita in pianto, e i giorni oscuri e le dogliose notti. I miei gravi sospir non vanno in rime, e ’l mio duro martir vince ogni stile. Ove è condutto il mio amoroso stile? A parlar d’ira, a ragionar di morte. U’ sono i versi, u’ son giunte le rime, che gentil cor udia pensoso, e lieto? ov’è ’l favoleggiar d’amor le notti? Or non parl’io, né penso altro che pianto. Già mi fu col desir sí dolce il pianto, che condìa di dolcezza ogni agro stile, e vegghiar mi facea tutte le notti; or m’è ’l pianger amaro più che morte, non sperando mai ’l guardo onesto e lieto, alto sogetto a le mie basse rime. Chiaro segno Amor pose a le mie rime dentro a’ belli occhi; et or l’ha posto in pianto, con dolor rimembrando il tempo lieto: ond’io vo col pensèr cangiando stile, e ripregando te, pallida Morte, che mi sottragghi a sí penose notti. Fuggito è ’l sonno a le mie crude notti, e ’l suono usato a le mie roche rime, che non sanno trattar altro che morte: cosí è ’l mio cantar converso in pianto. Non ha il regno d’Amor sí vario stile, ch’è tanto or tristo, quanto mai fu lieto. Nessun visse già mai più di me lieto, nessun vide più tristo e giorni e notti; e doppiando ’l dolor, doppia lo stile, che trae del cor sí lacrimose rime. Vissi di speme, or vivo pur di pianto, né contra Morte spero altro che Morte. Morte m’ha morto; e sola pò far Morte ch’i’ torni a riveder quel viso lieto, che piacer mi facea i sospiri e ’l pianto, l’aura dolce e la pioggia a le mie notti; quando i penseri eletti tessea in rime, Amor alzando il mio debile stile. Or avess’io un sí pietoso stile che Laura mia potesse tôrre a Morte, come Euridice Orfeo sua senza rime, ch’i’ viverei ancor più che mai lieto! S’esser non pò, qualcuna d’este notti chiuda omai queste due fonti di pianto. Amor, i’ ho molti e molt’anni pianto mio grave danno in doloroso stile, né da te spero mai men fere notti; e però mi son mosso a pregar Morte che mi tolla di qui, per farme lieto, ove è colei ch’i’ canto, e piango in rime. Se sí alto pôn gir mie stanche rime, ch’agiungan lei, ch’è fuor d’ira e di pianto, e fa ’l ciel or di sue bellezze lieto, ben riconoscerà ’l mutato stile, che già forse le piacque, anzi che Morte chiaro a lei giorno, a me fêsse atre notti. O voi che sospirate a miglior notti, ch’ascoltate d’Amore, o dite in rime, pregate non mi sia più sorda Morte, porto de le miserie e fin del pianto; muti una volta quel suo antiquo stile, ch’ogni uom rattrista, e me pò far sí lieto. Far mi pò lieto in una o ’n poche notti; e ’n aspro stile, e ’n angosciose rime, prego che ’l pianto mio finisca Morte.
CCCXXXIII
Ite, rime dolenti, al duro sasso, che ’l mio caro tesoro in terra asconde; ivi chiamate chi dal ciel risponde, ben che ’l mortal sia in loco oscuro, e basso. Ditele ch’i’ son già di viver lasso, del navigar per queste orribil onde; ma ricogliendo le sue sparte fronde, dietro le vo pur cosí passo passo, e sol di lei ragionando viva e morta, anzi pur viva, et or fatta immortale, a ciò che ’l mondo la conosca et ame. Piacciale al mio passar esser accorta, ch’è presso omai; siami a l’incontro, e quale ella è nel cielo, a sé mi tiri e chiame.
CCCXXXIV
S’onesto amor pò meritar mercede, e se pietà ancor pò, quant’ella suole, mercede avrò, ché più chiara che ’l sole, a madonna et al mondo è la mia fede. Già di me paventosa, or sa, no ’l crede, che quello stesso ch’or per me si vòle, sempre si volse; e s’ella udìa parole o vedea ’l vòlto, or l’animo, e ’l cor vede. Ond’i’ spero che ’n fin al ciel si doglia di miei tanti sospiri; e cosí mostra, tornando a me sí piena di pietate. E spero ch’al por giù di questa spoglia, venga per me, con quella gente nostra, vera amica di Cristo, e d’onestate.
CCCXXXV
Vidi fra mille donne una già tale, ch’amorosa paura ’l cor m’assalse, mirandola in imagini non false a li spirti celesti in vista eguale. Niente in lei terreno era o mortale, sí come a cui del ciel, non d’altro calse. L’alma, ch’arse per lei sí spesso et alse, vaga d’ir seco, aperse ambedue l’ale. Ma tropp’era alta al mio peso terrestre; e poco poi n’uscí in tutto di vista; di che pensando, ancor m’agghiaccio e torpo. O belle et alte e lucide fenestre, onde colei che molta gente attrista trovò la via d’entrare in sí bel corpo!
CCCXXXVI
Tornami a mente, anzi v’è dentro, quella ch’indi per Lete esser non pò sbandita, qual io la vidi in su l’età fiorita, tutta accesa de’ raggi di sua stella. Sí nel mio primo soccorso onesta e bella, veggiola, in sé raccolta, e sí romita, ch’i’ grido: - Ell’è ben dessa; ancúr è in vita - e ’n don le cheggio sua dolce favella. Talor risponde, e talor non fa motto. I’ come uom ch’erra, e poi più dritto estima, dico a la mente mia: - Tu se’ ’ngannata: sai che ’n mille trecento quarantotto, il dí sesto d’aprile, in l’ora prima, del corpo uscìo quell’anima beata. -
CCCXXXVII
Quel che d’odore e di color vincea l’odorifero e lucido oriente, frutti, fiori, erbe e frondi, onde ’l ponente d’ogni rara eccellenzia il pregio avea, dolce mio lauro, ove abitar solea ogni bellezza, ogni vertute ardente, vedeva a la sua ombra onestamente il mio signor sedersi e la mia dea. Ancor io il nido di penseri eletti posi in quell’alma pianta; e ’n foco e ’n gielo tremando, ardendo, assai felice fui. Pieno era il mondo de’ suoi onor perfetti, allor che Dio, per adorarne il cielo, la si ritolse; e cosa era da lui.
CCCXXXVIII
Lasciato hai, Morte, senza sole il mondo oscuro e freddo, Amor cieco et inerme, leggiadria ignuda, le bellezze inferme, me sconsolato, et a me grave pondo, cortesia in bando et onestate in fondo: dogliom’io sol, né sol ho da dolerme; ché svelt’hai di vertute il chiaro germe: spento il primo valor, qual fia ’l secondo? Pianger l’aere e la terra e ’l mar devrebbe l’uman legnaggio, che senz’ella è quasi senza fior prato, o senza gemma anello. Non la conobbe il mondo mentre l’ebbe; conobbil’io, ch’a pianger qui rimasi, e ’l ciel, che del mio pianto or si fa bello.
CCCXXXIX
Conobbi, quanto il ciel li occhi m’aperse, quanto studio et Amor m’alzaron l’ali, cose nove e leggiadre, ma mortali, che ’n un soggetto ogni stella cosperse. L’altre tante sí strane e sí diverse forme altère, celesti et immortali, perché non furo a l’intelletto eguali, la mia debile vista non sofferse. Onde quant’io di lei parlai né scrissi, ch’or per lodi anzi a Dio preghi mi rende, fu breve stilla d’infiniti abissi: ché stilo oltra l’ingegno non si stende; e per aver uom li occhi nel sol fissi, tanto si vede men quanto più splende.
CCCXL
Dolce mio caro e prezioso pegno, che natura mi tolse, e ’l ciel mi guarda, deh, come è tua pietà, vèr me sí tarda, o usato di mia vita sostegno? Già suo’ tu far il mio sonno almen degno de la tua vista, et or sostien ch’i’ arda senz’alcun refrigerio: e chi ’l retarda? Pur lassù non alberga ira né sdegno; onde quà giuso un ben pietoso core talor si pasce delli altrui tormenti, sí ch’elli è vinto nel suo regno Amore. Tu che dentro mi vedi, e ’l mio mal senti, e sola puoi finir tanto dolore, con la tua ombra acqueta i miei lamenti.
CCCXLI
Deh, qual pietà, qual angel fu sí presto, a portar sopra ’l cielo il mio cordoglio? ch’ancor sento tornar pur come soglio madonna in quel suo atto dolce onesto, ad acquetar il cor misero e mesto, piena sí d’umiltà, vòta d’orgoglio, e ’n somma tal ch’a morte i’ mi ritoglio, e vivo, e ’l viver più non m’è molesto. Beata s’è, che pò beare altrui co la sua vista, o ver co le parole intellette da noi soli ambedui. - Fedel mio caro, assai di te mi dole; ma pur per nostro ben dura ti fui - dice, e cos’altre d’arrestare il sole.
CCCXLII
Del cibo onde ’l signor mio sempre abonda, lagrime e doglia, il cor lasso nudrisco; e spesso tremo e spesso impallidisco, pensando a la sua piaga aspra e profonda. Ma chi né prima simil, né seconda ebbe al suo tempo, al letto in ch’io languisco, vien tal ch’a pena a rimirar l’ardisco, e pietosa s’asside in su la sponda. Con quella man che tanto desiai, m’asciuga li occhi, e col suo dir m’apporta dolcezza ch’uom mortal non sentí mai. - Che val - dice - a saver, chi si sconforta? Non pianger più; non m’hai tu pianto assai? Ch’or fostù vivo, com’io son morta! -
CCCXLIII
Ripensando a quel, ch’oggi il cielo onora, soave sguardo, al chinar l’aurea testa, al vúlto, a quella angelica modesta voce, che m’adolciva, et or m’accora, gran meraviglia ho com’io viva ancúra; né vivrei già, se chi tra bella e onesta qual fu più lasciò in dubbio, non sí presta fusse al mio scampo, là verso l’aurora. O dolci accoglienze, e caste, e pie! e come intentamente ascolta, e nota la lunga istoria de le pene mie! Poi che ’l dí chiaro par che la percota tornasi al ciel, ché sa tutte le vie, umida li occhi e l’una e l’altra gota.
CCCXLIV
Fu forse un tempo dolce cosa amore, non per ch’i’ sappia il quando; or è sí amara che nulla più. Ben sa ’l ver chi l’impara com’ho fatt’io con mio grave dolore. Quella che fu del secol nostro onore, or è del ciel che tutto orna e rischiara, fe’ mia requie a’ suoi giorni e breve e rara; or m’ha d’ogni riposo tratto fòre. Ogni mio ben crudel Morte m’ha tolto; né gran prosperità il mio stato adverso pò consolar di quel bel spirto sciolto. Piansi e cantai; non so più mutar verso; ma dí e notte il duol ne l’alma accolto, per la lingua e per li occhi sfogo e verso.
CCCXLV
Spinse amor e dolor ove ir non debbe, la mia lingua aviata a lamentarsi, a dir di lei per ch’io cantai et arsi, quel che, se fusse ver, torto sarebbe; ch’assai ’l mio stato rio quetar devrebbe quella beata, e ’l cor racconsolarsi vedendo tanto lei domesticarsi con colui che, vivendo, in cor sempre ebbe. E ben m’acqueto, e me stesso consolo; né vorrei rivederla in questo inferno, anzi voglio morire, e viver solo: ché più bella che mai con l’occhio interno con li angeli la veggio alzata a volo, a’ pie’ del suo e mio signore eterno.
CCCXLVI
Li angeli eletti, e l’anime beate, cittadine del cielo, il primo giorno che madonna passò, le fur intorno, piene di meraviglia e di pietate. - Che luce è questa, e qual nova beltate? - - dicean tra lor - perch’abito sí adorno dal mondo errante a quest’alto soggiorno non salì mai in tutta questa etate. - Ella, contenta aver cangiato albergo, si paragona pur co i più perfetti; e parte ad or ad or si volge a tergo, mirando s’io la seguo, e par ch’aspetti: ond’io voglie e pensier tutti al ciel ergo, perch’i’ l’odo pregar pur ch’i’ m’affretti.
CCCXLVII
Donna, che lieta col principio nostro, ti stai, come tua vita alma rechede, assisa in alta e gloriosa sede, e d’altro ornata che di perle e d’ostro, o delle donne altèro e raro mostro, or nel vúlto di lui che tutto vede, vedi ’l mio amore, e quella pura fede, per ch’io tante versai lagrime e ’nchiostro, e senti che vèr te ’l mio core in terra tal fu qual ora è in cielo, e mai non volsi altro da te che ’l sol de li occhi tuoi: dunque per amendar la lunga guerra, per cui dal mondo a te sola mi volsi, prega ch’i’ venga tosto a star con voi.


CCCXLVIII
Da’ più belli occhi e dal più chiaro viso che mai splendesse, e da’ più bei capelli, che facean l’oro e ’l sol parer men belli, dal più dolce parlare, e dolce riso, da le man, da le braccia che conquiso, senza moversi, avrian quai più rebelli fûr d’Amor mai, dai più bei piedi snelli, da la persona fatta in paradiso, prendean vita i miei spirti: or n’ha diletto il re celeste, i suoi alati corrieri; et io son qui rimaso ignudo e cieco. Sol un conforto a le mie pene aspetto, ch’ella, che vede tutt’i miei penseri, m’impetre grazia ch’i’ possa esser seco.


CCCXLIX
E’ mi par d’or in ora udire il messo che madonna mi mande a sé chiamando: cosí dentro e di fòr mi vo cangiando, e sono in molt’anni sí dimesso, ch’a pena riconosco omai me stesso! Tutto ’l viver usato ho messo in bando: sarei contento di sapere il quando, ma pur devrebbe il tempo esser da presso. O felice quel dí, che, del terreno carcere uscendo, lasci rotta e sparta questa mia grave e frale e mortal gonna, e da sí folte tenebre mi parta, volando tanto su nel bel sereno, ch’i’ veggia, il mio Signore, e la mia donna.


CCCL
Questo nostro caduco e fragil bene, ch’è vento et ombra, et ha nome beltate, non fu già mai se non in questa etate tutto in un corpo; e ciò fu per mie pene. Ché natura non vòl, né si convene, per far ricco un, por li altri in povertate: or versò in una ogni sua largitate; perdonimi qual è bella, o si tène. Non fu simil bellezza antica o nova, né sarà, credo; ma fu sí coverta, ch’a pena se n’accorse il mondo errante. Tosto disparve; onde ’l cangiar mi giova la poca vista a me dal ciel offerta sol per piacer a le sue luci sante.


CCCLI
Dolci durezze, e placide repulse, piene di casto amore, e di pietate, leggiadri sdegni, che le mie infiammate voglie tempraro, or me n’accorgo, e ’nsulse; gentil parlar, in cui chiaro refulse, con somma cortesia, somma onestate, fior di vertù, fontana di beltate, ch’ogni basso pensèr del cor m’avulse; divino sguardo da far l’uomo felice, or fiero in affrenar la mente ardita, a quel che giustamente si disdice, or presto a confortar mia frale vita, questo bel variar fu la radice di mia salute, ch’altramente era ita.


CCCLII
Spirto felice, che sí dolcemente volgei quelli occhi, più chiari che ’l sole, e formavi i sospiri, e le parole, vive ch’ancor mi sonan ne la mente, già ti vid’io, d’onesto foco ardente, mover i pie’ fra l’erbe e le viole, non come donna, ma com’angel sòle, di quella ch’or m’è più che mai presente; la qual tu poi, tornando al tuo fattore, lasciasti in terra, e quel soave velo, che per alto destin ti venne in sorte. Nel tuo partir, partì nel mondo Amore e Cortesia, e ’l Sol cadde dal cielo, e dolce incominciò a farsi la Morte.


CCCLIII
Vago augelletto, che cantando vai, o ver piangendo, il tuo tempo passato, vedendoti la notte e ’l verno a lato, e ’l dí dopo le spalle, e i mesi gai, se come i tuoi gravosi affanni sai, cosí sapessi il mio simìle stato, verresti in grembo a questo sconsolato, a partir seco i dolorosi guai. I’ non so se le parti sarian pari, ché quella cui tu piangi, è forse in vita, di ch’a me morte, e ’l ciel, son tanto avari; ma la stagione, e l’ora men gradita, col membrar de’ dolci anni e de li amari, a parlar teco con pietà m’invita.


CCCLIV
Deh, porgi mano a l’affannato ingegno, Amor, e a lo stile stanco e frale, per dir di quella ch’è fatta immortale, e cittadina del celeste regno; dammi signor, che ’l mio dir giunga al segno de le sue lode, ove per sé non sale, se vertù, se beltà non ebbe eguale il mondo, che d’aver lei non fu degno. Responde: - Quanto ’l ciel et io possiamo, e i buon consigli, e ’l conversar onesto, tutto fu in lei, di che noi morte ha privi; forma par non fu mai dal dí ch’Adamo aperse li occhi in prima; e basti or questo: piangendo il dico; e tu piangendo scrivi. -


CCCLV
O tempo, o ciel volubil, che fuggendo inganni i ciechi e miseri mortali, o dí veloci, più che vento e strali, ora ab experto vostre frodi intendo; ma scuso voi, e me stesso riprendo, ché Natura a volar v’aperse l’ali, a me diede occhi, et io pur ne’ miei mali li tenni, onde vergogna e dolor prendo. E sarebbe ora, et è passata omai, di rivoltarli, in più secura parte, e poner fine a l’infiniti guai; né dal tuo giogo, Amor, l’alma si parte, ma dal suo mal; con che studio tu ’l sai; non a caso è vertute, anzi è bell’arte.


CCCLVI
L’aura mia sacra al mio stamco riposo spira sí spesso, ch’i’ prendo ardimento di dirle il mal ch’i’ ho sentito, e sento, che, vincendo ella, non sarei stat’oso. I’ incomincio da quel guardo amoroso, che fu principio a sí lungo tormento, poi seguo come misero e contento, di dí in dí, d’ora in ora, Amor m’ha rúso. Ella si tace, e di pietà depinta, fiso mira pur me; parte sospira, e di lagrime oneste il viso adorna. Onde l’anima mia dal dolor vinta, mentre piangendo allor seco s’adira, sciolta dal sonno a se stesso ritorna.


CCCLVII
Ogni giorno mi par più di mill’anni ch’i’ segua la mia fida e cara duce, che mi condusse al mondo, or mi conduce, per miglior via, a vita senza affanni; e non mi posson ritener l’inganni del mondo, ch’i’ ’l conosco; e tanta luce dentro al mio core in fin del ciel traluce ch’i’ ’ncomincio a contar ’l tempo, e i danni. Né minaccie temer debbo di morte, che ’l re sofferse con più grave pena per farme a seguitar constante e forte; et or novellamente in ogni vena intrò di lei che m’era data in sorte, e non turbò la sua fronte serena.


CCCLVIII
Non pò far morte il dolce viso amaro, ma ’l dolce viso dolce pò far la Morte. Che bisogn’ a morir ben altre scorte? Quella mi scorge ond’ogni ben imparo. E quei che del suo sangue non fu avaro, che col pe’ ruppe le tartaree porte, col suo morir par che mi riconforte. Dunque vien, Morte; il tuo venir m’è caro. E non tardar, ch’egli è ben tempo omai; e se non fusse, e’ fu ’l tempo in quel punto che madonna passò di questa vita. D’allor innanzi un dí non vissi mai: seco fui in via, e seco al fin son giunto, e mia giornata ho co’ suoi pie’ fornita.


CCCLIX
Quando il soave mio fido conforto, per dar riposo a la mia vita stanca, ponsi del letto in su la sponda manca, con quel suo dolce ragionare accorto, tutto di pièta e di paura smorto, dico: - Onde vien tu ora, o felice alma? - Un ramoscel di palma et un di lauro trae del suo bel seno, e dice: - Dal sereno ciel empireo, e di quelle sante parti, mi mossi, e vengo sol per consolarti. - In atto et in parole la ringrazio umilemente, e poi demando: - Or donde sai tu il mio stato? - Et ella: - Le triste onde del pianto, di che mai tu non se’ sazio, coll’aura de’ sospir, per tanto spazio, passano al cielo, e turban la mia pace. Sí forte ti dispiace che di questa miseria sia partita, e giunta a miglior vita? che piacer ti devria, se tu m’amasti quanto in sembianti e ne’ tuoi dir mostrasti. - Rispondo: - Io non piango altro che me stesso che son rimasto in tenebre e ’n martìre, certo sempre del tuo al ciel salire come di cosa ch’uom vede da presso. Come Dio e Natura avrebben messo in un cor giovenil tanta vertute, se l’eterna salute non fusse destinata al tuo ben fare? O de l’anime rare, ch’altamente vivesti qui tra noi, e che subito al ciel volasti poi! Ma io che debbo altro che pianger sempre, misero, e sol, che senza te son nulla? Ch’or fuss’io spento al latte et a la culla, per non provar de l’amorose tempre! - Et ella: - A che pur piangi, e ti distempre? Quanto era meglio alzar da terra l’ali, e le cose mortali, e queste dolci tue fallaci ciance, librar con giusta lance, e seguir me, s’è ver che tanto m’ami, cogliendo, omai, qualcun di questi rami! - - I’ volea demandar - respond’io allora - che voglion importar quelle due frondi? - Et ella: - Tu medesmo ti rispondi, tu la cui penna tanto l’una onora: palma è vittoria, et io, giovene ancúra, vinsi il mondo, e me stessa; il lauro segna triumfo, ond’io son degna, mercé di quel Signor, che mi die’ forza. Or tu, s’altri ti sforza, a lui ti volgi, a lui chiedi soccorso; sí che siam seco al fine del tuo corso. - - Son questi i capei biondi, e l’aureo nodo, - dich’io - ch’ancor mi stringe, e quei belli occhi che fur mio sol? - Non errar con li sciocchi, né parlar - dice - o creder a lor modo. Spirito ignudo sono, e ’n ciel mi godo: quel che tu cerchi è terra, già molt’anni; ma per trarti d’affanni, m’è dato a parer tale; et ancor quella sarò, più che mai bella, a te più cara, sí selvaggia e pia, salvando inseme tua salute, e mia. - I’ piango; et ella il vúlto co le sue man m’asciuga; e poi sospira dolcemente; e s’adira con parole che i sassi romper ponno: e dopo questo, si parte ella, e ’l sonno.


CCCLX
Quel antiquo mio dolce signore fatto citar dinanzi a la reina che la parte divina tien di nostra natura e ’n cima sede, ivi, com’oro che nel foco affina, mi rappresento carco di dolore, di paura e d’orrore, quasi uom che teme morte e ragion chiede; e ’ncomincio: - Madonna, il manco piede giovenetto pos’io nel costui regno; ond’altro ch’ira e sdegno non ebbi mai; e tanti e sí diversi tormenti i’ vi soffersi, ch’al fine vinta fu quell’infinita mia pazienza, e ’n odio ebbi la vita. Cosí ’l mio tempo in fin qui trapassato è in fiamma e ’n pene; e quante utili oneste vie sprezzai, quante feste, per servir questo lusinghier crudele! E qual ingegno ha sí parole preste che stringer possa ’l mio infelice stato, e le mie d’esto ingrato tanto e sí gravi e sí giuste querele? O poco mèl, molto aloè con fele! In quanto amaro ha la mia vita avezza, con sua falsa dolcezza, la qual m’atrasse a l’amorosa schiera! Che s’i’ non m’inganno, era disposto a sollevarmi alto da terra: e’ mi tolse di pace e pose in guerra. Questi m’ha fatto men amare Dio ch’i’ non deveva, e men curar me stesso: per una donna ho messo egualmente in non cale ogni pensero. Di ciò m’è stato consiglier sol esso, sempr’aguzzando il giovenil desio a l’empia cote, ond’io sperai riposo al suo giogo aspro e fero. Misero! a che quel chiaro ingegno altèro, e l’altre doti a me date dal cielo? Ché vo cangiando ’l pelo, né cangiar posso l’ostinata voglia: cosí in tutto mi spoglia di libertà questo crudel ch’i’ accuso, ch’amaro viver m’ha vòlto in dolce uso. Cercar m’ha fatto deserti paesi, fiere e ladri rapaci, ispidi dumi, dure genti e costumi, et ogni error che ’ pellegrini intrica, monti, valli, paludi, e mari, e fiumi, mille lacciuoli in ogni parte tesi, e ’l verno in strani mesi, con pericol presente e con fatica: né costui né quell’altra mia nemica, ch’i’ fuggìa, mi lasciavan sol un punto. Onde, s’i’ non son giunto anzi tempo da morte acerba e dura, pietà celeste ha cura di mia salute, non questo tiranno, che del mio duol si pasce e del mio danno. Poi che suo fui, non ebbi ora tranquilla, né spero aver; e le mie notti il sonno sbandiro, e più non ponno per erbe o per incanti a sé ritrarlo. Per inganni e per forza è fatto donno sovra miei spirti: e no sonò più squilla, ov’io sia in qualche villa, ch’i’ non l’udisse. Ei sa che ’l vero parlo; che legno vecchio mai non rúse tarlo come questi ’l mio core, in che s’annida, e di morte lo sfida. Quinci nascon le lagrime e i martíri, le parole e i sospiri, di ch’io mi vo stancando, e forse altrui. Giudica tu, che me conosci, e lui. - Il mio adversario, con aspre rampogne, comincia: - O donna, intendi l’altra parte, ché ’l vero, onde si parte quest’ingrato, dirà senza defetto. Questi in sua prima età fu dato a l’arte da vender parolette, anzi menzogne: né par che si vergogne, tolto da quella noia al mio diletto, lamentarsi di me, che puro e netto, contr’al desio, che spesso il suo mal vòle, lui tenni, ond’or si dole, in dolce vita, ch’ei miseria chiama, salito in qualche fama solo per me, che ’l suo intelletto alzai, ov’alzato per sé non fora mai. Ei sa che ’l grande Atride e l’alto Achille, et Anibàl al terren vostro amaro, e di tutti il più chiaro un altro e di vertute e di fortuna, com’a ciascun le sue stelle ordinaro, lasciai cader in vil amor d’ancille: et a costui di mille donne elette, eccellenti n’elessi una, qual non si vedrà mai sotto la Luna, ben che Lucrezia ritornasse a Roma; e sí dolce idioma le diedi, et un cantar tanto soave, che pensèr basso o grave non potè mai durar dinanzi a lei. Questi fur con costui l’inganni mei. Questo fu il fèl, questi li sdegni e l’ire, più dolci assai che di null’altra il tutto. Di bon seme mal frutto mieto; e tal merito ha chi ’ngrato serve. Sí l’avea sotto l’ali mie condutto, ch’a donne e cavalier piacea il suo dire; e sí alto salire il feci, che tra’ caldi ingegni ferve il suo nome, e de’ suoi detti conserve si fanno con diletto in alcun loco; ch’or saria forse un roco mormorador di corti, un uom del vulgo: i’ l’esalto e divulgo, per quel ch’elli ’mparò ne la mia scola, e da colei che fu nel mondo sola. E per dir a l’estremo il gran servigio, da mille atti inonesti l’ho ritratto; ché mai per alcun patto a lui piacer non poteo cosa vile: giovene schivo e vergognoso in atto, et in pensèr, poi che fatto era uom ligio di lei, ch’alto vestigio li ’mpresse al core, e fecel suo simìle. Quanto ha del pellegrino e del gentile, da lei tène, e da me, di cui si biasma. Mai notturno fantasma d’error non fu sí pien, com’ei vèr’ noi; ch’è in grazia, da poi che ne conobbe, a Dio et a la gente: di ciò il superbo si lamenta, e pente. Ancor (e questo è quel che tutto avanza) da volar sopra ’l ciel li avea dat’ali per le cose mortali, che son scala al fattor, chi ben l’estima; ché mirando ei ben fiso quante e quali eran vertuti in quella sua speranza, d’una in altra sembianza, potea levarsi a l’alta cagion prima: et ei l’ha detto alcuna volta in rima. Or m’ha posto in oblio con quella donna ch’i’ li die’ per colonna de la sua frale vita. - A questo un strido lagrimoso alzo e grido: - Ben me la die’, ma tosto la ritolse. - Responde: - Io no, ma chi per sé la volse. - Al fin ambo conversi al giusto seggio, i’ con tremanti, ei con voci alte e crude, ciascun per sé conchiude: - Nobile donna, tua sentenzia attendo. - Ella allor sorridendo: - Piacemi aver vostre questioni udite; ma più tempo bisogna a tanta lite. -


CCCLXI
Dicemi spesso il mio fidato speglio, l’animo stanco, e la cangiata scorza, e la scemata mia destrezza e forza: - Non ti nasconder più; tu se’ pur veglio. Obedir a Natura in tutto è il meglio; ch’a contender con lei il tempo ne sforza. - Subito allor com’acqua ’l foco amorza, d’un lungo e grave sonno mi risveglio: e veggio ben che ’l nostro viver vola, e ch’esser non si pò più d’una volta; e ’n mezzo ’l cor mi sona una parola di lei ch’è or dal suo bel nodo sciolta, ma ne’ suoi giorni al mondo fu sí sola, ch’a tutte, s’i’ non erro, fama ha tolta.


CCCLXII
Volo con l’ali de’ pensieri al cielo sí spesse volte che quasi un di loro esser mi par ch’han ivi il suo tesoro, lasciando in terra lo squarciato velo. Talor mi trema ’l cor d’un dolce gelo, udendo lei, per ch’io mi discoloro, dirmi: - Amico, or t’am’io, et or t’onoro, perch’ha i costumi varïati, e ’l pelo. - Menami al suo Signor: allor m’inchino, pregando umilemente che consenta ch’i’ stia a veder e l’uno e l’altro vúlto. Responde: - Egli è ben fermo il tuo destino; e per tardar ancor vent’anni o trenta, parrà a te troppo, e non fia però molto.


CCCLXIII
Morte ha spento quel sol ch’abagliar suolmi, e ’n tenebre son li occhi interi e saldi; terra è quella ond’io ebbi e freddi e caldi; spenti son i miei lauri, or querce et olmi: di ch’io veggio ’l mio ben; e parte duolmi. Non è chi faccia paventosi e baldi i miei pensèr, né chi li agghiacci e scaldi, né chi gli empia di speme, e di duol colmi. Fuor di man di colui che punge e molce, che già fece di me sí lungo strazio, mi trovo in libertate, amara e dolce: et al Signor ch’i’ adoro e ch’i’ ringrazio, che pur col ciglio il ciel governa e folce, torno stanco di viver, non che sazio.


CCCLXIV
Tennemi Amor anni vent’uno ardendo, lieto nel foco, e nel duol pien di speme; poi che madonna e ’l mio cor seco inseme saliro al ciel, dieci altri anni piangendo. Omai son stanco, e mia vita reprendo di tanto error che di vertute il seme ha quasi spento; e le mie parti estreme, alto Dio, a te devotamente rendo, pentito e tristo de’ miei sí spesi anni, che spender si deveano in miglior uso, in cercar pace et in fuggir affanni. Signor, che ’n questo carcer m’hai rinchiuso, trâmene salvo da li eterni danni; ch’i’ conosco ’l mio fallo, e non lo scuso.


CCCLXV
I’ vo piangendo i miei passati tempi i quai posi in amar cosa mortale, senza levarmi a volo, abbiend’io l’ale, per dar forse di me non bassi essempî. Tu che vedi i miei mali indegni et empî, re del cielo invisibile immortale, soccorri a l’alma disviata e frale, e ’l suo defetto di tua grazia adempi; sí che s’io vissi in guerra et in tempesta, mora in pace et in porto; e se la stanza fu vana, almen sia la partita onesta. A quel poco di viver che m’avanza et al morir degni esser tua man presta: tu sai ben che ’n altrui non ho speranza.


CCCLXVI
Vergine bella, che di sol vestita, coronata di stelle, al sommo sole piacesti sí, che ’n te sua luce ascose, amor mi spinge a dir di te parole; ma non so ’ncominciar senza tu’ aita, e di colui ch’amando in te si pose: invoco lei che ben sempre rispose, chi la chiamò con fede. Vergine, s’a mercede miseria estrema de l’umane cose già mai ti volse, al mio prego t’inchina; soccorri a la mia guerra, ben ch’i’ sia terra, e tu del ciel regina. Vergine saggia, e del bel numero una de le beate vergini prudenti, anzi la prima, e con più chiara lampa; o saldo scudo de l’afflitte genti contr’a’ colpi di Morte e di Fortuna, sotto ’l qual si trïunfa, non pur scampa; o refrigerio al cieco ardor ch’avampa, qui fra i mortali sciocchi; Vergine, que’ belli occhi, che vider tristi la spietata stampa ne’ dolci membri del tuo caro figlio, volgi al mio dubio stato, che sconsigliato a te vèn per consiglio. Vergine pura, d’ogni parte intera, del tuo parto gentil figliuola e madre, ch’allumi questa vita, e l’altra adorni, per te il tuo Figlio, e quel del sommo Padre, o fenestra del ciel lucente, altèra, venne a salvarne in su li estremi giorni e fra tutt’i terreni altri soggiorni sola tu fosti eletta, Vergine benedetta, che ’l pianto d’Eva in allegrezza torni. Fammi, ché puoi, de la sua grazia degno, senza fine o beata, già coronata nel superno regno. Vergine santa, d’ogni grazia piena, che per vera et altissima umiltate salisti al ciel, onde miei prieghi ascolti, tu partoristi il fonte di pietate, e di giustizia il sol, che rasserena il secol, pien d’errori, oscuri e folti: tre dolci e cari nomi hai in te raccolti, madre, figliuola, e sposa; Vergine gloriosa, donna del re che nostri lacci a sciolti, e fatto ’l mondo libero e felice, ne le cui sante piaghe, prego ch’appaghe il cor, vera beatrice. Vergine sola al mondo, senza essempio, che ’l ciel di tue bellezze innamorasti, cui né prima fu simil, né seconda, santi penseri, atti pietosi e casti al vero Dio sacrato e vivo tempio fecero in tua verginità feconda. Per te pò la mia vita esser ioconda, s’a’ tuoi preghi, o Maria, Vergine dolce e pia, ove ’l fallo abondò la grazia abonda. Con le ginocchia de la mente inchine, prego che sia mia scorta, e la mia tòrta via drizzi a buon fine. Vergine chiara e stabile in eterno, di questo tempestoso mare stella, d’ogni fedel nocchier fidata guida, pon mente in che terribile procella i’ mi ritrovo sol, senza governo, et ho già da vicin l’ultime strida. Ma pur in te l’anima mia si fida, peccatrice, i’ no ’l nego, Vergine; ma ti prego che ’l tuo nemico del mio mal non rida: ricorditi, che fece il peccar nostro, prender Dio per scamparne, umana carne, al tuo virginal chiostro. Vergine, quante lagrime ho già sparte, quante lusinghe, e quanti preghi indarno, pur per mia pena, e per mio grave danno! Da poi ch’i’ nacqui in su la riva d’Arno, cercando or questa et or quel altra parte, non è stata mia vita altro ch’affanno. Mortal bellezza, atti, e parole m’hanno tutta ingombrata l’alma. Vergine sacra et alma, non tardar, ch’i’ son forse a l’ultimo anno. I dí miei più correnti che saetta, fra miserie e peccati, sonsen andati, e sol Morte n’aspetta. Vergine, tale è terra e posto ha in doglia lo mio cor, che vivendo in pianto il tenne; e de mille miei mali un non sapea; e per saperlo, pur quel che n’avenne fôra avenuto; ch’ogni altra sua voglia era a me morte, et a lei fama rea. Or tu donna del ciel, tu nostra dea, se dir lice, e convensi, Vergine d’alti sensi, tu vedi il tutto; e quel che non potea far altri, è nulla a la tua gran vertute, por fine al mio dolore; ch’a te onore, et a me fia salute. Vergine, in cui ho tutta mia speranza, che possi e vogli al gran bisogno aitarme, non mi lasciare in su l’estremo passo; non guardar me, ma chi degnò crearme; no ’l mio valor, ma l’alta sua sembianza, ch’è in me, ti mova a curar d’uom sí basso. Medusa, e l’error mio m’han fatto un sasso d’umor vano stillante: Vergine, tu di sante lagrime, e pie, adempi ’l meo cor lasso; ch’almen l’ultimo pianto sia devoto, senza terrestro limo, come fu ’l primo non d’insania vòto. Vergine umana, e nemica d’orgoglio, del comune principio amor t’induca; miserere d’un cor contrito, umìle: che se poca mortal terra caduca amar con sí mirabil fede soglio, che devrò far di te cosa gentile? Se dal mio stato assai misero e vile per le tue man resurgo, Vergine, i’ sacro e purgo al tuo nome e penseri e ’ngegno e stile, la lingua e ’l cor, le lagrime e i sospiri. Scorgimi al miglior guado, e prendi in grado i cangiati desiri. Il dí s’appressa, e non pòte esser lunge, sí corre il tempo e vola, Vergine unica e sola, e ’l cor or conscienzia or morte punge. Raccomandami al tuo figliol, verace omo e verace Dio, ch’accolga ’l mio spirto ultimo in pace.



Inizio pagina


Petrarca - Home Page


Canzoniere 1 - Rime da 1 a 99


Canzoniere 2 - Rime da 100 a 199


Canzoniere 3 - Rime da 200 a 263


Canzoniere 4 - Rime da 264 a 299


Petrarca - Poemi in Italiano


Petrarca - Poema 126


Petrarca
Italiano=>English=>Nederlands



Petrarca - In het Nederlands


Dead Poets Society



Homepage


Pageviews since/sinds 21-03-2002: 

© Gaston D'Haese - 21-11-2OO6.
Aggiornamento: 13-10-2015.